Sono 60 le candeline che il Golf Club Bologna si accinge a spegnere.

Lo farà durante la festa del prossimo 15 giugno, che si preannuncia già come un appuntamento ricco di fascino, nel se­gno di tre parole che disegnano bene lo spirito del circolo: storia, tradizione e passione.

Arriviamo da Milano alla guida della deliziosa nuova versione della Range Rover Evoque.

Auto che ha fatto epoca, inventando di fatto la categoria dei SUV compatti, ritorna con vari in terventi di design all’ esternoe un look ancora più moderno e aggressivo.

E il nostro test drive si trasforma in un vero piacere al volante. In attesa che si perfezionino i collegamenti con l’Autosole a Bologna-Casalecchio.

Da qui la strada per il Golf Clu b Bologna prosegue sulla nuova Bazzanese, oltre Zola Predosa.

Solo pochi minuti (ma attenzione agli autovelox), prima di inoltrarsi su una breve salita che porta al cancello scorrevole del circo lo.

Quando, come dicevamo, verrà concluso un passaggio diretto con il recente casello aperto nel novembre 2016, quella di Valamoggia diventerà l’ideale porta verso il club. A una distanza davvero irrisoria.

Lasciamo nel parcheggio su due livelli de l circolo la nostra Range Rover Evoque, proprio sotto l’ingresso della clubhoue.

L’edificio, a distanza di oltre mezzo secolo, diventa sempre più caratteristico e tipico del design dell’epoca.

Minimalis ta ed elegante, la struttura che acco­glie tutti i servizi del Bologna si appoggia alla collina ed è divisa su più piani.

Disegnata da sue linee essenziali, gli ampi spazi e le grandis­sime vetrate che si aprono sul campo pratica, la buca 9 e le colline bolognesi.

Tanta, tantissima la luce perciò nella zona alta, quella che ospita il bar, il ristorante e gli angoli relax, favorita da pareti rigorosamente bianche.

Ed è davvero bello il contrasto con il parquet ricco di storia e il soffi tto, anch’esso ricoperto da liste di legno ma in tonalità più chiara.

All’ingresso della segreteria, un grande cartello ricorda i 60 anni del Golf Clu b Bologna.

Il 28 aprile 1959, Aclùlle Sas oli de Bianchi e altri 27 amici, riuniti in un garage del centro, in via Farini 14, durante l’assemblea costitutiva firmaro­no la nascita de l sodalizio felsineo.

Primo circolo per fondazione in Emilia Romagna (il secondo, Croara, arriverà solo 17 anni dopo), ha una splen­dida storia alle spalle.


Fra i mille aneddoti, quello forse più curioso riguarda la scelta del terreno.

Achille Sassoli de Bianchi aveva scoperto il golf nell’agosto del 1958, a Cortina d‘Ampezzo. Sul nove buche con green in terra battuta dell’Hotel liramonti, si ritrovò con un bastone fra le mani  e una pallina da colpi re.

Alcuni amici “anglofili” gli avevano già parlato della bellezza del golf e così volle provare, coinvolgendo Ignazio de Vito Pisicelli, allora fidanzato della figliaMaria Al­ berta.Sassoli mise in palio una coppa e sfidò I’in­credulo Pisicelli, che però alla fine ebbe la meglio.

La sconfitta non scalfi minimamente l’ inter esse del futuro presidente , imprenditore impegnatis­simo con l’azienda di famiglia, la Buton.

Nei rita­gli di tempo continuò a far proseliti e a cercarela zona dove realizzare le buche.Venne individua ta un’area di circa 70 ettari poco distante da Bolo­gna, in località Chiesa nuova di Monte San Pietro.

I primi pareri tecnici furono contrari, per le non eccezionali risorse idriche della zona. Sassoli però non si arrese e decise addirittura di rivolgersi a un rabdomante per trovare l’ acqua necessaria.

Cosa che puntualmente successe, a 70 metri di profondità.


GOLF CLUB BOLOGNA A.S.D.

via Sabattini, 69 – 40050 Monte S. Pietro (Bologna)

Tel: 051 969100 – Mail: info@golfclubbologna.it – Web: golfclubbologna.it

Stagione: aperto tutto l’anno – Giorno di chiusura: lunedì non festivo

Progetto: Cotton &Harris -Peter Allis

Presidente: Filippo Sassoli de Bianchi

Vice-presidente: Costantino Galleri

Direttore: Marco Antonangeli

Segretario: Alessandro Pau

Maestri: Stefano Ortu, Bruno Ghezzo, Federico Bisazza , Matia Malagutti

Attività giovanile: Riccardo Verganti

Super intendent: Paolo Baldini

Percorso: 18 buche, par 71, m 5.846, donne m 5.152

Strutture e servizi: campo pratica, putting e pitchinggreen, golf cart pro shop, sala carte, sala tv, ristorante, buvette, piscina estiva, sauna, bagno turco, nursery (weekend)

Altitudine: metri 122 slm