-->

Challenge: Gagli e Pavan chiudono al 22° posto

Di Andrea Ronchi

I due azzurri concludono il torneo appaiati
a ridosso delle prime 20 posizioni.
Vittoria a sorpresa allo svedese Forsstrom

Lo svedese Simon Forsstrom ha vinto a sorpresa con 264 colpi (69 66 65 64, -20) il KPMG Trophy, ottenendo il primo titolo nel Challenge Tour sul percorso del Cleydael G&CC (par 71) ad Aartselaar in Belgio. Hanno concluso al 22° posto con 273 (-11) colpi Lorenzo Gagli (67 71 67 68) e Andrea Pavan (65 69 70 69) e al 65° con 282 (-2) Leonardo Motta  (70 69 72 71) e Filippo Bergamaschi (69 68 69 76).

Simon Forsstrom, 27 anni e alle prime gare nel circuito, ha operato un gran finale e ha avuto partita vinta sull’inglese Steven Tiley, secondo con 266 (-18), e sul tedesco Alexander Knappe e sull’altro inglese Paul Maddy, terzi con 268 (-16). In quinta posizione con 269 (-15) il gallese Oliver Farr e in sesta con 270 (-14) il francese Julien Guerrier, il cileno Nico Geyger e il belga Thomas Detry.

Forsstrom, che ha fatto attività nel Satellite Tour in nord Europa, ha condotto gli ultimi due giri senza segnare birdie. Ha iniziato il turno finale al quarto posto con due colpi di ritardo dal leader Knappe, reduce dal successo della scorsa settimana nello Swiss Challenge, e lo ha raggiunto alla 13ª buca inanellando cinque birdie, contrati dal suo avversario con quattro birdie e un bogey. La decisione nelle ultime quattro buche quando lo svedese ha realizzato un eagle alla 17ª (64, -7), con cui ha messo fuori gioco anche Tiley (un eagle e quattro birdie per il 65, -6), mentre Knappe ha alzato bandiera bianca perdendo due colpi con tre bogey contro un birdie (70, -1). Simon Forsstrom, ha percepito un assegno di 27.200 euro su un montepremi di 170.000 euro.

Lorenzo Gagli ha terminato la sua prova rimontando  tre  posizioni con quattro birdie e un bogey per il 68 (-3), mentre Andrea Pavan ne ha perse due con quattro birdie e due bogey per il parziale di 69 (-2). E’ tornato indietro di metà classifica Filippo Bergamaschi con un 76 (+5, con un birdie, due bogey e due doppi bogey) ed è rimasto in bassa Leonardo Motta con un 71 (par, con tre birdie e tre bogey).

Non hanno superato il taglio, caduto a 139 (-3): Niccolò Quintarelli (70 70) e Andrea Perrino (71 69), 70.i con 140 (-2), Matteo Delpodio (74 69) e Andrea Rota (72 71), 107.i con 143 (+1), e Alessandro Tadini, 138° con 147 (69 78, +5).

PRIMO GIRO: Andrea Pavan, terzo con 65 (-6) colpi, e Lorenzo Gagli, 14° con 67 (-4), hanno confermato la loro buona condizione nella prima giornata del KPMG Trophy (Challenge Tour), in svolgimento al Cleydael G&CC (par 71) di Aartselaar in Belgio.

Altro giocatore in grande spolvero è il tedesco Alexander Knappe, reduce dal successo nello Swiss Challenge, che è volato in testa con un gran 62 (-9). staccando di due lunghezze il cileno Nico Geyger (64, -7). Pavan è affiancato dagli inglesi Ben Stow e Gary King e dall’olandese Daan Huizing e hanno un colpo in più lo spagnolo Alvaro Velasco e il belga Thomas Detry, nel gruppo in settima posizione con 66 (-5).

Altri sette gli italiani in gara: Filippo Bergamaschi e Alessandro Tadini, 41.i con 69 (-2), Niccolò Quintarelli e Leonardo Motta, 61.i con 70 (-1), Andrea Perrino, 83° con 71 (par), Andrea Rota, 104° con 72 (+1), e Matteo Delpodio, 134° con 74 (+3).

Alexander Knappe, 27enne di Brilon, ha realizzato birdie su metà delle 18 buche. Pavan ne ha segnati sei senza bogey e Gagli cinque con un bogey. Per Bergamaschi un eagle, tre birdie e tre bogey, per Tadini tre birdie e un bogey, per Quintarelli quattro birdie e tre bogey, per Motta cinque birdie sulle prime nove buche e quattro bogey nel rientro. Perrino ha viaggiato in par con due birdie e due bogey, Rota è andato un colpo sopra con un eagle, due birdie, tre bogey e un doppio bogey e Delpodio ne ha resi tre al campo con un birdie e quattro bogey,

PROLOGO: Nel KPMG Trophy (9-12 giugno), al Cleydael G&CC di Aartselaar in Belgio, sarà ancora una volta numerosa la presenza italiana in un torneo del Challenge Tour. Nove i giocatori impegnati: Alessandro Tadini, Andrea Pavan, Matteo Delpodio, Lorenzo Gagli, Andrea Perrino, Niccolò Quintarelli, Andrea Rota, Leonardo Motta e Filippo Bergamaschi.

Si prevede una gara molto combattuta con numerosi concorrenti in grado di proporsi per posizioni di rilievo tra i quali ricordiamo i belgi Hugues Joannes, Pierre Relecom e Thomas Detry, i tedeschi Alexander Knappe, a segno domenica passata nello Swiss Challenge, e Bernd Ritthammer, lo spagnolo Alvaro Velasco, il francese Damien Perrier, l’inglese Tom Murray, lo svedese Jens Dantorp, gli olandesi Daan Huizing e Maarten Lafeber, che he conosciuto giorni migliori sull’European Tour, l’irlandese Ruaidhri McGee e il cileno Mark Tullo.

Attraversano un buon momento Lorenzo Gagli, quinto la scorsa settimana in Svizzera, e Andrea Pavan (nella foto), anch’egli autore di una buona prova, che puntano a ripetersi, ma avranno anche peso l’esperienza di Alessandro Tadini e di Matteo Delpodio. Il montepremi del KPMG Trophy  è di 170.000 euro del quali 27.200 destinati al vincitore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA 09 giugno 2016
Tags
Ultimi articoli