Giovanni Binaghi “Al contadin non far sapere che gioco bene”