Eurotour: in Malesia gran finale di Zanotti

Di Ufficio Stampa FIG

A Kuala Lumpur, il paraguaiano vince con un fantastico
-9 sul quarto giro, davanti a Lipsky, Wiesberger e Levy.
20.i Paratore e Manassero, hole in one per Bertasio

 

Per la classifica finale, clicca qui

QUARTO GIRO – Il paraguaiano Fabrizio Zanotti ha vinto con 269 colpi (70 69 67 63, -19) il Maybank Championship, torneo in collaborazione tra European Tour e Asian Tour disputato al Saujana G&CC (par 72) di Kuala Lumpur, in Malesia. Risalita finale di Matteo Manassero (71 66 75 68) e di Renato Paratore (69 71 70 70) 20.i con 280 (-8), a suggello di una bella prestazione, e metà classifica per Nino Bertasio, 41° con 284 (69 71 73 71, -4), autore di una spettacolare “hole in one” (buca 5, par 3, m. 186).

Zanotti ha prevalso con un gran 63 (-9) conclusivo superando lo statunitense David Lipsky (270, -18), l’austriaco Bernd Wiesberger (271, -17) e il francese Alexander Levy (272, -16). Al quinto posto con 273 (-15) il cinese Haotong Li e l’inglese Danny Willett, al quale non sono bastati tre colpi di vantaggio dopo 54 buche per tornare al successo che gli sfugge dal Masters dello scorso aprile.

Fabrizio Zanotti, 34enne di Asuncion, ha condotto 17 buche con sette birdie, poi ha avuto partita vinta con un eagle alla 18ª che gli ha regalato il secondo titolo in carriera e un premio di 461.689 ero su 2.810.000 euro in palio.

Nino Bertasio ha chiuso con un 71 (-1), ma ha messo a segno la prima “buca in uno” della sua carriera, la sesta realizzata quest’anno dai giocatori del tour. Nel suo score anche due birdie e tre bogey. Matteo Manassero (che ha vinto questa gara nel 2011) ha guadagnato 14 posizioni con un 68 (-4) dovuto a sei birdie e a due bogey. Molto regolare, invece, Renato Paratore con un’escursione di soli due colpi tra i quattro punteggi, peraltro tutti sotto par. Ha terminato con quattro birdie e due bogey per il 70 (-2). Out dopo 36 buche per la seconda volta di fila Edoardo Molinari, 129° con 149 (76 73, +5).

TERZO GIRO – Danny Willett ingrana la quarta (-16, 66 67 67) e continua a inanellare giri abbondantemente sotto par. La sua regolarità fa la differenza e l’inglese (oggi per lui -5, con sei birdie e un bogey) lascia a tre colpi il più diretto concorrente, l’americano David Lipsky (-13, 68 67 68). Segue il francese Levy (-12) e un quintetto a -11 con Wiesberger (leader dopo il secondo giro e oggi uno sopra par), gli altri due francesi Havret e Lorenzo-Vera, il tailandese Pittayarat e il coreano K.T. Kim. Da segnalare che in 54 buche Willett ha collezionato 18 birdie e soli due bogey.

Migliore azzurro è diventato Renato Paratore (-6, 69 71 70), che ha recuperato sei posizioni e si piazza per il momento al 23° posto. Scivolone di Matteo Manassero (34°, -4, 71 66 75) con giro in tre sopra il par, che vanifica l’impresa della seconda giornata e gli fa scendere 27 gradini. Ne perde sei anche Nino Bertasio (44°, -3, 69 71 73) in negativa progressione aritmetica.

SECONDO GIRO – Gran rimonta di Matteo Manassero, settimo con 137 colpi (71 66, -7), che ha recuperato 46 posizioni nel secondo giro del Maybank Championship, torneo in collaborazione tra European Tour e Asian Tour in svolgimento al Saujana G&CC (par 72) di Kuala Lumpur in Malesia e che il veronese ha vinto nel 2011. Hanno mantenuto una buona classifica Renato Paratore e Nino Bertasio, 29.i con 140 (-4) e i medesimi parziali (69 71), e ha mancato il taglio Edoardo Molinari, 130° con 149 (76 73, +5). Si è portato in vetta con 132 (69 63, -12) l’austriaco Bernd Wiesberger, autore di un 63 (-9) con undici birdie, di cui nove consecutivi record per il circuito, e due  bogey. A ridosso l’inglese Danny Willett  (133, -11) e a tre colpi il francese Mike Lorenzo Vera e lo statunitense David Lipski (135, -9). Al 19° posto con 139 (-5) il thailandese Thongchai Jaidee e l’inglese Lee Westwood.

Matteo Manassero si è espresso ad ottimo livello con sei birdie senza bogey per il 66 (-6), terzo punteggio di giornata. Stesso 71 (-1) per Renato Paratore, quattro birdie e tre bogey, e per  Nino Bertasio, due birdie e un bogey. Edoardo Molinari, la cui situazione era compromessa dopo un giro, ha segnato un birdie e due bogey per il 73 (+1) subendo il secondo taglio di fila. Il montepremi è di 2.810.000 euro con prima moneta di 461.689 euro.

PRIMO GIRO – Con un un buon -3, Bertasio e Paratore condividono con altri dieci giocatori il decimo posto del Maybank Championship, torneo in collaborazione tra European Tour e Asian Tour in programma al Saujana G&CC di Kuala Lumpur in Malesia. Per Nino uno score con quattro birdie e un bogey. mentre Renato ha raccolto ben sei birdie, ma ha anche subito un doppio bogey alla 9 e un bogey.

Con -1, Matteo Manassero è riuscito a strappare un 53° posto (per lui quattro birdie e tre bogey), mentre Edoardo Molinari naviga purtroppo in fondo al gruppo (132°, +4, 76).

Al vertice, con -9, lo scozzese Marc Warren, seguito dal thailandese Phachara Khongwatmai (-7) e da un gruppo di sei giocatori a -6, fra cui il vincitore Masters 2016, Danny Willett. In palio 2.810.000 euro con prima moneta di 461.689 euro.

PROLOGO – Edoardo Molinari, Renato Paratore, Nino Bertasio e Matteo Manassero, che ha vinto la gara nel 2011, partecipano al Maybank Championship (9-12 febbraio), torneo in collaborazione tra European Tour e Asian Tour in programma al Saujana G&CC di Kuala Lumpur in Malesia.

Difende il terzo e per ora ultimo titolo conquistato lo scorso anno sul circuito l’australiano Marcus Fraser in un contesto che comprende gli inglesi Danny Willett, campione Masters, e Tommy Fleetwood, il sudafricano Charl Schwartzel, l’austriaco Bernd Wiesberger, lo spagnolo Pablo Larrazabal e il francese Victor Dubuisson insieme a una nutrita rappresentanza di giocatori asiatici. Tra costoro ricordiamo i thailandesi Thongchai Jaidee, Kiradech Aphibarnrat, Prom Meesawat e Prayad Marksaeng, i cinesi Haotong Li e Ashun Wu, gli indiani Anirban Lahiri, Arjun Atwal e S.S.P. Chawrasia e il filippino Miguel Tabuena.

I quattro azzurri cercano un rendimento più continuo, in particolare Edoardo Molinari che in quattro gare ha ottenuto due ottimi piazzamenti (7° South African Open, 14° Hong Kong Open) e ha subito due tagli. Manassero, particolarmente motivato dai ricordi passati, Paratore e Bertasio sono andati a premio, ma terminando oltre metà classifica. In palio 2.810.000 euro con prima moneta di 461.689 euro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA 12 febbraio 2017
Tags
Ultimi articoli