Il tempo è opportunità o tiranno? Mentre sogniamo il campo, ci domandiamo quanto tempo potremmo dedicare al golf? E per fare 18 buche quanto ci metteremmo? Togliete l’orologio per qualche minuto e scoprite quanto dura una partita di golf, in questa Tip.

Quanto dura una partita di golf

L’argomento è complesso e controverso; molte sono le variabili da tenere in considerazione. Parleremo delle dinamiche e delle tempistiche amatoriali perché i tour professionistici sono un mondo a sé.

 

Le gare dei principali tour professionistici sono infatti composte da 4 giri di 18 buche (72 buche totali divise in quattro giorni)


Ma noi non abbiamo, sfortunatamente, quattro giorni a settimana da dedicare al golf. Dovremo quindi prendere un’unità di misura più consona al nostro amatoriale (e amato) spazio-tempo golfistico.

Il nostro ‘metro’ ? Il percorso di 18 buche.

Perché? Perché solitamente le gare amatoriali si giocano su questo percorso medio. Da qui moltiplicheremo e divideremo la durata arrivando ai confini della relatività golfistica.


La partita di 18 buche

Un giro di 18 buche mediamente ha una durata di 4-5 ore; nelle giornate più lente ed affollate si possono però sfiorare le 6. Si tratta di un’indicazione di massima perché le variabili che determinano questa tempistica sono molte e sono tutte interconnesse:

La difficoltà del percorso

La lunghezza e la difficoltà tecnica incidono, ovviamente, in grande misura sulle tempistiche di gioco. Un percorso di 18 buche può avere una lunghezza che, indicativamente, oscilla tra i 5.200 metri e i 6.900/ 7.000 dei percorsi più lunghi.

Le buche, da larghe e semplici, possono diventare lunghissime, strette e piene di insidie.

golf_tips_quanto_dura_una_partita_di_golf_impossible_hole

Considerando anche le condizioni meteorologiche, ben capirete che, qui, volano molti più colpi.

Pensate che stiamo esagerando? Sappiate che in Corea del Sud, al Gunsan Country Club, la buca 3 è un par-7 di oltre 1.000 metri di lunghezza!

L’abilità nel muoversi in campo

Alla difficoltà del percorso, dobbiamo sommare l’abilità dei giocatori stessi ed il numero dei presenti sul campo. Abilità intesa non solo come “capacità tecnica” ma, soprattutto, come abilità nel sapersi “muovere in campo”.

A tal proposito, vi lasciamo un piccolo elenco di accortezze che aiutano a mitigare le tempistiche, specialmente in gara:

  1. Camminare sempre con passo spedito (farà ancora meglio alla salute!);
  2. Iniziare già a pensare al colpo da eseguire mentre si raggiunge la propria palla;
  3. Raggiungendo il green, lasciare la propria sacca in direzione della buca successiva;
  4. I putt sotto al metro? Non hanno ingegneristiche paraboliche: 1,2,3 e via, decisi in buca.
  5. In caso di dubbio, giocare sempre una palla provvisoria;
  6. Dopo 3 minuti di ricerca abbandonare la palla (è la regola, e c’est la vie);
  7. Non compilare lo score sul green ma sul tee della buca successiva;
  8. E, ça va sans dire, cercare di tirare il minor numero di colpi possibili.

La gestione del circolo

Ogni golf club ha, poi, un personale approccio per affrontare la questione della tempistica di gioco.

Ci sono club che hanno a disposizione 27 o 36 buche: essi possono gestire facilmente il flusso dei giocatori. Altri circoli si avvalgono dei marshal, gli arbitri che aiutano i giocatori in difficoltà e che li spronano a mantenere le corrette tempistiche di gioco.

Sappiate infatti che nel golf potreste incorrere in due colpi di penalità per gioco lento!

golf_tips_quanto_dura_una_partita_di_golf_slow_play_snail

E, a proposito di lentezza, se pensate che siamo stati troppo a lungo sulle 18 buche, acceleriamo subito la narrazione e dimezziamo anche noi il tempo con…


La partita di 9 buche

Abbiamo visto in una precedente Tip che ci sono campi con “solo” nove buche a disposizione. (Ve la siete persa? Trovate qui il link)

Il tempo per giocarle? Dimezzato. Il divertimento?! Raddoppiato!

Perché nove buche sono ideali per una sfida con amici, che non impegna troppo. Con passo veloce, in 2 ore avremo completato il percorso e potremo ritornare al lavoro o in famiglia, oppure, se il coniuge ci concederà la grazia, saremo nuovamente in campo per un secondo giro.

Come? Volete andare ancora più veloce?

 

 

Alt! Non esageriamo!

Come in tutte le cose, infatti, l’equilibrio sta nel mezzo.

A dire di molti, le 18 buche sono troppe perché richiedono tempo per essere giocate, lo capiamo: la vita è frenetica, il tempo prezioso e risulta difficile dividerlo tra i mille impegni. Le 9 buche, d’altro canto, dai più, non sono ritenute sufficientemente stimolanti. Per questo motivo negli ultimi anni si sta affermando…


La partita di 12 buche

L’idea delle 12 buche nasce per cercare di ridurre la durata della partita sotto le 3 ore, senza rinunciare troppo all’agonismo. Questa lunghezza di percorso è già una realtà in molti Paesi nel mondo. In Italia qualche esperimento è stato fatto, ma siamo ancora lontani dal trovare un giusto equilibrio e le giuste soluzioni.

Non ci resta, ora, che attendere pazientemente l’evoluzione di questa nuova ‘teoria quantistica’.

Ma nel frattempo, noi, amando anche i singoli attimi di golf, vi proponiamo una pratica soluzione: quando vorrete giocare, che siano tre, nove od infinite buche…

lasciate l’orologio a casa!


golf_tips_banner_vedi_tutte_le_tips