-->

Scozia: nell’incanto di Edimburgo

Di Alessio Filippi

Ecco Bruntsfield, splendido campo a pochi chilometri dall’aeroporto della capitale, ricco di storia e firmato da tre straordinari architetti

Google Maps: dove si trova The Bruntsfield Links Golfing Society

Si trova a poche miglia dall’aeroporto di Edinburgo, offre delle viste spettacolari sul Firth of Forth, ed è il quarto golf club più antico e forse tra i più importanti del mondo. Se state programmando un itinerario golfistico in Scozia, The Bruntsfield Links Golfing Society potrebbe essere la prima meta del vostro viaggio in “Caledonia”.

Le origini della Bruntsfield Links Golfing Society risalgono al 1761 quando i soci fondatori del club dividevano il campo del parco di Bruntsfield Links, un 5 buche situato poco distante dal Castello di Edinburgo, con i soci della Edinburgh Burgess Golfers (oggi The Royal Burgess Golfing Society, il più antico golf club del mondo fondato del 1735). I soci potevano giocare due mesi in primavera e tre mesi in autunno, mentre il terreno veniva adibito al pascolo durante l’estate.
Sebbene il 5 buche di Bruntsfield Links venne aperto ufficialmente nel 1711, in realtà sui terreni del parco il gioco del golf era già praticato da circa 2 secoli grazie al Re Giacomo IV di Scozia e successivamente a suo figlio, e futuro Re d’Inghilterra, Giacomo VI.

L’avvento della palla in guttaperca e la rapida diffusione del gioco contribuirono alla decisione da parte dei soci della Bruntsfield Links Society di spostare la sede del club nel 1876. La località scelta fu il campo di nove buche di Musselburgh (oggi ritenuto il campo da golf più antico del mondo), una cittadina ad est di Edinburgo, dove nel 1886 venne inaugurata la nuova clubhouse della Society.
Anche l’Old Links di Musselburgh cominciava a sovraffolarsi, e certamente il fatto di condividere il campo con tre dei più importanti golf club del XIX secolo (la Honourable Company of Edinburgh Golfers, la Edinburgh Burgess e il Royal Musselburgh), che insieme totalizzavano circa mille soci, convinse la Bruntsfield Links Golfing Society a ricercare un altro luogo più adatto per costruire un nuovo campo di 18 buche nei pressi di Edinburgo.

Venne individuata una meravigliosa proprietà a Barnton, in prossimità del nuovo campo del Royal Burgess disegnato da Old Tom Morris nel 1894. 60 ettari di rigogliosa campagna scozzese con viste mozzafiato sul mare, circondati da pini, faggi e betulle.
L’architetto del nuovo percorso, inaugurato nel 1898, fu il due volte vincitore dell’Open Championship (1887,1889) Willie Park Jr., proprio con Tom Morris uno dei primi disegnatori di campi da golf dell’epoca con più di 170 opere al suo attivo.

Nei primi anni del 900 il nome di un giovane dottore e architetto, dotato di rare capacità, si stava diffondendo tra gli addetti ai lavori: Alister Mackenzie.
Il creatore di Augusta National, Pasatiempo e Cypress Point venne chiamato per rinnovare e migliorare il percorso nel 1921.
Dopo due anni di lavoro da parte del Dottore, il campo della Bruntsfield Links Golfing Society cominciò ad essere incluso tra i migliori dell’intero Regno Unito.

Dopo circa cinquant’anni dagli ultimi lavori i soci della Society ritennero necessario apportare un totale rinnovamento e ammodernamento del percorso.
Il prescelto fu Fred Hawtree, uno degli architetti più attivi negli anni ’60-’70 (e padre di Martin, l’autore del tanto discusso Trump Links ad Abeerdeen), che nel 1971 realizzò una serie di interventi che resero Bruntsfield un vero e proprio gioiello tra i parkland scozzesi.

Il risultato è un percorso tecnico e suggestivo apprezzato dai giocatori di ogni livello, avvincente e divertente, con ampi spazi capaci di perdonare anche i colpi meno precisi, caratterizzato da insidiosi ed ondulati green. C’è una straordinaria varietà di buche, con una alternanza tra par 4 lunghi e dritti e par 4 corti che girano a destra o sinistra. Un par 71 di 6.446 yards immerso in un meraviglioso parco che offre un panorama indimenticabile sul Firth of Forth.

Dopo avere ospitato i più importanti tornei a livello Amateur della Scozia, nel 2011 Bruntsfield Links è stato la sede delle qualifiche regionali del Regno Unito per l’Open Championship.

Certo, i Links Scozzesi sono attraenti, ci ricordano le origini del gioco e trasmettono emozioni indescrivibili, ma la storia del golf passa anche da campi come questo, parkland “nati per gioco” e diventati in pochi anni protagonisti del golf e delle sue tradizioni.
Se passate da Edinburgo, e se volete fare un tuffo nel passato, 18 buche a Bruntsfield Links, magari sacca a spalla, seguite da un buona birra locale davanti ad un tramonto da cartolina sulla baia, sono assolutamente da non perdere. 

The Bruntsfield Links Golfing Society
Edinburgo
Scozia


Info: Par 71 – 6.446 yarde
Progetto: Willie Park Jr (1898), Alister MacKenzie (1929) e Fred Hawtree (1971)
© RIPRODUZIONE RISERVATA 27 maggio 2015
Tags
Ultimi articoli