-->

Golf Club Udine: è nata una stella

Di Renato D'Argenio (Messaggero Veneto)

Si chiama Villaverde Resort ed è una struttura
unica nell’ambito golfistico italiano, ideale
per una qualificata offerta turistica, sportiva e sanitaria

Il “villaggio dei sogni” ha aperto lo scorso sabato 6 febbraio. Due anni e mezzo dopo la posa della prima pietra il Villaverde Resort di Fagagna (Udine), 4 stelle lusso a due passi dalla celebrata zona di San Daniele del Friuli, diventa realtà. Una struttura unica nel suo genere, sia per il contesto in cui è sorta sia per l’idea: un’offerta turistica, sportiva e sanitaria come nessuna in Friuli Venezia Giulia. E unica anche in ambito golfistico nel nostro Paese, anche se non si tratta di un’opportunità dedicata solo per a chi ama sacca e bastoni, anzi. L’abbiamo visitata in anteprima.
La struttura
È firmata dall’architetto Alessio Princic e punta al massimo rispetto ambientale: l’edificio è classe “A”. Ottomila metri quadrati, compresi i parcheggi sviluppati su due piani di cui uno coperto da una tensostruttura fotovoltaica e il tetto è completamente coperto da un manto erboso. Il soffitto interno è stato realizzato da Giorgio Celiberti: un’opera da 1.800 metri quadrati. Tre i piani in luce previsti dove, oltre alla hall, trovano spazio 34 camere (68 posti letto) di cui 5 suite, con vista verso le 18 buche del Golf Club Udine. La hall è al primo piano, con reception, sala convegni da 90 posti, lounge bar e Ristorante Privilegium. Qui lo chef personalizza, con show cooking, cena e servizio per i propri clienti. Pranzi e cene degli ospiti sono serviti al Bar&Restaurant del golf, raggiungibile passeggiando lungo la passerella che collega il resort alla club house. Gli arredi portano le firme di questa terra: Snaidero, Moroso, Gervasoni e Accento. Scendendo si raggiunge il piano medico, un importante centro basato sulla prevenzione e la medicina del movimento. C’è, tra l’altro, un’attrezzata palestra Technogym. Infine, il centro wellness.
Le camere
Come detto, sono 34, funzionali e luminose: 26 metri quadrati più altri 7 di terrazzo. Oltre a un ampio bagno è stato realizzato un comodo spazio guardaroba, in modo da non aver tutto in giro per la camera. La suite, invece, è di 52 metri con terrazza da 14, un salotto e due bagni. Alcune camere comfort possono essere comunicanti.
Il centro wellness
Cinque cabine per trattamenti, idromassaggio, una vasca da 25 metri e una piscina esterna con solarium. Ci sono anche biosauna, bagno turco e la stanza del sale. E due floating rooms, novità a livello nazionale. Permette di raggiungere un effetto di rilassamento profondo tramite la tecnica del galleggiamento. Un’ora in quella stanza equivale a 4-6 ore di sonno.
Cura e medicina
Nel piano tra le camere da letto e la parte wellness sarà realizzato il centro medico (aprirà nelle prossime settimane): avrà due ambulatori chirurgici per piccoli interventi in anestesia locale. Particolare attenzione sarà dedicata alla medicina del movimento, alla riabilitazione, alla cura di stati depressivi e alle diete. Tutte attività monitorate da medici.
I prezzi
Dormire al resort Villaverde costa mediamente 130 euro a coppia (260 la suite). Dieci euro in più per la prima colazione, ricca e assortita. L’ingresso all’area wellness e piscina è di 36 euro, ma si possono fare abbonamenti mensili, semestrali o annuali. L’annuale per esempio viene 650 euro. La floating room oscilla fra i 65 e i 90. Infinita la serie di trattamenti per il corpo: massaggi tradizionali, linfatici, stone massage, intensivo, a 4 mani e orientali come lomi lomi, shiatsu, ayurvedico, pindasweda. Da 30 a 75 euro. Ci sono, poi, i trattamenti dedicati alla pelle e quelli per gli sportivi: podisti, ciclisti, nuotatori e, naturalmente, golfisti: 50-60 euro.
La filosofia
«L’idea è semplice – ha spiegato l’imprenditore Gabriele Lualdi, mente e braccio di questa scommessa – e nasce dalla consapevolezza della mancanza di una struttura capace di unire il concetto di resort e di centro wellness a uno dei più bei campi da golf. Un luogo dove “ossigenare la vita”, dove ci si può prendere cura di se stessi. Un luogo dove fare sport e turismo».

Una vacanza per relax e remise en forme di grande qualità
«Il basso impatto ambientale e la sostenibilità del Villaverde Resort interpretano perfettamente il concetto di turismo slow delineato dal piano strategico regionale». Lo spiega Bruno Bertero, direttore marketing di Turismo Fvg, che aggiunge: «Il nostro piano strategico punta inoltre a una differenziazione dell’offerta turistica del Friuli Venezia Giulia. Il golfista è un turista che cerca qualità e interazione tra esperienze legate a sport, territorio e wellness: tutti aspetti che PromoTurismoFvg considera essenziali per dar vita a un nuovo turismo in regione. Ben vengano quindi strutture che cercano di avvicinarsi a questi concetti».

«Il Villaverde arricchisce l’offerta regionale del Friuli Venezia Giulia – aggiunge Dario Scotto, delegato regionale della Federazione Italiana Golf –. Eleva il livello della ricezione alberghiera con una struttura di livello internazionale. Non solo: permetterà di ospitare gare internazionali. Con i centri di Lignano e Aviano offre “rifugio sicuro” a chi ama giocare e vuole anche staccare la spina. Un plauso va a Gabriele Lualdi: non sono molti gli imprenditori che oggi investono così tanto nel golf e nel turismo. La scommessa è importante ma siamo a un’ora da Venezia o dalle Dolomiti; vicini alla laguna e a città storiche come Aquileia, Cividale o Palmanova. All’incrocio tra tre nazioni e tre culture: quella italiana, quella slovena e quella austriaca, che con le loro tradizioni e la loro gastronomia offrono uno spettro vastissimo di sapori e suggestioni».

(Per gentile concessione del Messaggero Veneto)

© RIPRODUZIONE RISERVATA 08 febbraio 2016
Tags
Ultimi articoli