-->

Arriva il nuovo Kia Sportage

Di Fulvio Golob

Un SUV sempre più sorprendente quello del celebre marchio coreano, con un comfort eccezionale, prestazioni invidiabili e un imbattibile rapporto qualità-prezzo

È arrivato il Nuovo Kia Sportage, reinterpretazione in chiave futurista di una formula di successo che compie ulteriori passi avanti in termini di design, contenuti, qualità e sicurezza. Il nuovo modello è la risposta più convincente ed efficace all’evoluzione di un mercato sempre più competitivo dove Sportage è sempre stato protagonista. Gli interni propongono la qualità dei prodotti premium e sono caratterizzati da un design innovativo ed ergonomico. Per la prima volta anche per lo Sportage è disponibile l’allestimento GT Line grazie al quale si scopre il lato più sportivo e aggressivo di Sportage.

Il nuovo Sportage è prodotto nello stabilimento Kia europeo di Žilina in Slovacchia, come la generazione precedente che ha raggiunto risultati importanti, conquistando più di 55.000 Italiani in 5 anni di commercializzazione e arrivando nel 2015 a 16.601 esemplari venduti.

Design imponente: DNA SUV

L’evoluzione estetica di Kia Sportage ha portato alla realizzazione di una linea imponente. Il nuovo design è stato sviluppato dal Centro Stile europeo Kia di Francoforte, in collaborazione con gli altri centri Kia di Namyang in Corea e di Irvine in California. La chiave stilistica di base consiste nell’abbinamento fra linee nette e superfici morbide, in un equilibrio che riecheggia l’estetica dei più moderni aerei da caccia.

Pur mantenendo la sua inconfondibile impostazione estetica il nuovo Sportage ha un passo maggiorato di 30 mm (fino a 2.670 mm) e la lunghezza è cresciuta di 40 mm (fino a 4.480 mm); lo spoiler posteriore più esteso conferisce ulteriore slancio alla fiancata. Il tetto, alto 1.630 mm, ha un andamento leggermente digradante verso la coda mentre la vista laterale è segnata dai robusti passaruota.

L’aspetto complessivo è muscoloso e il maggiore sbalzo anteriore (più 20 mm) e quello posteriore ridotto creano la sensazione di uno sprinter concentrato ai blocchi di partenza. Nel design delle luci posteriori i gruppi ottici sono collegati da una striscia trasversale, mentre gli indicatori di direzione e le luci di retromarcia separate e disposte in basso accentuano la sensazione di stabilità.

Nelle versioni GT Line i doppi scarichi e le protezioni sottoscocca metallizzate aggiungono un’intonazione sportiva. La nuova linea nasconde anche la migliore aerodinamica di sempre con un coefficiente Cx che è passato da 0,35 a 0,33 per merito della carenatura inferiore e della nuova forma degli scudi paraurti.

I cerchi in lega sono disponibili con diametro di 16, 17 o 19 pollici mentre l’allestimento GT Line prevede di serie cerchi esclusivi da 19 pollici.

Kia 2

Interni raffinati con soluzioni di alta qualità

L’abitacolo del nuovo Sportage presenta un consistente miglioramento rispetto alla generazione precedente partendo dall’impostazione di una plancia ancora più raffinata. La qualità dei materiali è assolutamente premium, con largo uso di superfici soft-touch, tessuti e pelli in tinte naturali e cuciture a vista lungo la plancia e i pannelli porta. Le modanature in metallo arricchiscono l’ambiente e la più efficiente insonorizzazione porta la silenziosità a un livello superiore.

Nuovo Sportage vede uno sviluppo orizzontale della plancia caratterizzata dal dual zone design, con la “display zone” nella parte superiore e la “control zone” in quella inferiore. in modo da presentare tutte le informazioni utili nella posizione più facilmente raggiungibile dagli occhi del pilota. La “display zone” comprende i due elementi che contengono la strumentazione e ospita al centro il display touch screen da 7 o 8 pollici del nuovo sistema di infotainement Kia HMI (Human-Machine Interface). Al di sotto la “control zone” comprende la console centrale orientata verso il posto guida di 10 gradi per facilitare sia la visibilità dei comandi sia la loro attivazione durante la guida.

Kia 3

Più spazio e comfort di alto livello

Grande attenzione è stata dedicata al miglioramento di tutto quanto influenza la praticità e la vita a bordo della Sportage. L’aumento del passo ha garantito un maggior spazio per l’abitacolo e l’incremento della lunghezza, assieme alla variazioni degli sbalzi, ha permesso di modificare l’architettura malgrado la dimensioni di larghezza e di altezza (1.635 mm e 1.855 mm) siano rimaste invariate. È così aumentato lo spazio a disposizione dei passeggeri e per le loro gambe.

La visibilità è migliorata grazie all’attacco più basso del montante anteriore che è anche più sottile; i retrovisori laterali sono disposti più in basso sulla portiera e non interferiscono nella visuale del pilota, verso il posteriore è stato ridotto l’ingombro del terzo montante e il vetro posteriore è più alto. Anche la maggiore ampiezza del tetto panoramico in vetro contribuisce a migliorare la sensazione di luminosità all’interno dell’abitacolo.

Il leggero aumento delle dimensioni ha anche propiziato l’aumento della capacità di carico, con il baule che passa da 465 litri a 503 litri, accanto alla praticità del doppio fondo e alla possibilità di ospitare il pannello di copertura nella parte inferiore del bagagliaio. Anche il serbatoio è leggermente più capiente (da 58 a 62 litri) con un corrispondente aumento dell’autonomia che si aggiunge ai miglioramenti dovuti alla maggiore efficienza delle nuove motorizzazioni. Kia 4

Lo stato dell’arte dell’isolamento acustico

La riduzione del livello di NVH (Noise, Vibration, Harshness) è conseguenza di un complesso lavoro dei tecnici con l’obiettivo di fare della nuova Sportage il riferimento della categoria del SUV di classe media.

Al minimo la rumorosità scesa a soli 36 decibel per le versioni a benzina e 44 per le diesel, per effetto del miglior isolamento dei motori e della plancia. In marcia il rumore di rotolamento è sceso da 66 a 63 decibel grazie all’uso di nuovi snodi elastici per le sospensioni posteriori e più efficaci rivestimenti ai passaruota. Il basso livello di vibrazioni e rumorosità percepibili a bordo della nuova Sportage (ai vertici della categoria) è il frutto di accorgimenti che hanno interessato la struttura della scocca, del pavimento, dei supporti delle sospensioni e dei sedili.

Lo Sportage più sicuro di sempre

Da sempre una priorità assoluta per Kia, la sicurezza ha raggiunto nel caso della nuova Sportage livelli di eccellenza sia dal punto di vista della sicurezza attiva come di quella passiva. Gli obiettivi, nella prospettiva di normative e test sempre più stringenti, hanno richiesto interventi specifici nella progettazione della struttura e nell’adozione di tutti i dispositivi più efficaci in ogni circostanza. La scocca è straordinariamente robuste grazie all’utilizzo esteso di acciai speciali ad altissima resistenza con la conseguenza di un miglioramento della rigidità torsionale del 39% e della resistenza agli urti.

Nell’equipaggiamento di serie figurano gli airbag frontali, laterali e a tendina per la protezione integrale degli occupanti; nei sedili posteriori sono previsti gli attacchi ISOFIX con punti di ancoraggio per i più evoluti seggiolini per bambini. Migliorata anche la protezione dei pedoni con l’abbassamento della linea del cofano e l’aumento dello spazio di deformazione che ora utilizza più materiali assorbenti per una maggiore efficienza in caso di impatto.

Il Kia Vehicle Stability Management (VSM) fa parte della dotazione di serie per tenere sotto controllo la stabilità in frenata e in curva affiancando le funzioni dell’ESC (Electronic Stability Control) e del servosterzo elettrico per intervenire in caso di necessità e permettere al guidatore di mantenere il perfetto controllo del veicolo in qualsiasi circostanza.

L’equipaggiamento di sicurezza della nuova Sportage comprende (secondo le specifiche dei singoli mercati):

  • AEB (Autonomous Emergency Braking), che frena automaticamente in caso di potenziale collisione con un veicolo o un pedone
  • LDWS (Lane Departure Warning System), che segnala l’attraversamento involontario delle linne di demarcazione delle corsie senza attivare gli indicatori di direzione
  • LKAS (Lane Keeping Assist System), per il mantenimento della marcia in corsia e la segnalazione di passaggio delle linee senza attivare gli indicatori di direzione
  • HBA (High Beam Assist), per la regolazione automatica dei proiettori
  • SLIF (Speed Limit Information Function), che indica i limiti di velocità in vigore lungo il percorso
  • BSD (Blind Spot Detection), con segnalazione nello specchietto della presenza di un veicolo nell’angolo morto della visuale posteriore
  • RCTA (Rear Cross Traffic Alert) che segnala l’arrivo di un veicolo quando si manovra in uscita da un parcheggio a pettine.

Comportamento preciso e straordinariamente agile

Nel lavoro dei tecnici Kia il raggiungimento di caratteristiche di guida ai vertici della categoria è stata una delle priorità assolute, ottenendo così risultati eccellenti in termini di agilità e di tenuta di strada, superiori alle aspettative della media dei clienti SUV.

Le sospensioni a quattro ruote indipendenti mantengono lo schema della generazione precedente ma sono state modificate per sfruttare al meglio le caratteristiche del nuovo pianale. Le modifiche riguardano il posizionamento dei nuovi supporti elastici e l’irrigidimento degli snodi e dei cuscinetti ruota per ottenere una miglior risposta alle sollecitazioni stradali e una guida più precisa, il meccanismo di sterzo è stato spostato in avanti rispetto all’assale per una azione dello sterzo più progressiva.

Nella quarta generazione di Kia Sportage viene adottato il nuovo servosterzo elettrico R-MDPS caratterizzato dal motore elettrico montato direttamente sulla cremagliera invece che sul piantone. Questa innovazione garantisce una risposta più precisa e lineare e un miglior feeling al volante particolarmente nella marcia in rettilineo, a conferma della superiorità di questo modello nei confronti della concorrenza diretta.

Kia 5

Dotazioni al top

La tradizionale attenzione di Kia per le nuove tecnologie si conferma nel caso della nuova Sportage con l’applicazione di dispositivi assolutamente innovativi. L’ultima evoluzione del sistema Kia AVN (Audio-Visual Navigation) si presenta con un’estetica moderna al centro della plancia e dispone a scelta di schermi touch screen da 7 o 8 pollici, con l’integrazione del sistema radio digitale DAB e del la telecamera posteriore con l’indicazione degli ingombri in manovra.

A integrazione del sistema di navigazione è presente l’esclusivo Kia Connected Services con il quale si ha la disponibilità una serie di informazioni importanti per la guida fornite attraverso il circuito TomTom; ciò riguarda dati aggiornati sul traffico, previsioni meteo e indicazioni della presenza di controlli di velocità, tale servizio è incluso, al pari dell’aggiornamento mappe, per 7 anni.

Nuovo motore 1600 T-GDI e aggiornamenti al 2000 turbodiesel

Fra gli obiettivi del lavoro di sviluppo della nuova generazione di Sportage, uno dei principali era l’evoluzione dei motopropulsori per rispondere alle normative Euro 6 e migliorandone l’efficienza.

La gamma a benzina parte dal classico 1600 GDI che eroga 132 CV e 161 Nm di coppia massima e comprende il nuovo 1600 T-GDI (Turbo Gasoline Direct Injection) per la prima volta disponibile nella gamma Sportage nella versione GT Line per offrire un nuovo equilibrio fra economicità e brillantezza di guida.

Grazie ai suoi 177 CV, alla coppia di 265 Nm e al turbocompressore con valvola wastegate a controllo elettronico, questo motore offre eccellenti caratteristiche di efficienza e prontezza di risposta ai comandi dell’acceleratore.

Sul versante dei motori diesel, che in Italia rappresentano la scelta privilegiata, sono disponibili il 1700 CRDi da 115 CV e l’ulteriore evoluzione del 2000 nella versione R, al vertice della categoria in termini di prestazioni, efficienza e silenziosità. Questo turbodiesel è offerto in due versioni: 136 CV con coppia di 373 Nm e 185 CV con 400 Nm di coppia. 

Arriva il nuovo cambio DCT a sette marce

Anche la nuova Sportage beneficia della trasmissione Kia DCT a doppia frizione che è offerto in abbinamento con il motore 1600 T-GDI da 177 CV. Questa nuova trasmissione è stata sviluppata per gestire anche motori di coppia elevata e messa a punto in modo da offrire un feeling sportivo quando utilizzato in modalità manuale-sequenziale e la massima fluidità di marcia in modalità totalmente automatica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA 29 marzo 2016
Tags
Ultimi articoli