|  Annunci  |  Blog  |  Sondaggi  |  Tee Time  |  Contatti  |  Meteo  | 

Bookmark and Share
TeeTime: il bilancio dal Salone del Golf
Alessandro Ricci (foto Ennevi)
(03/03/2012)
 
 Guarda le foto del servizio

ARTICOLO
Cansiglio contro i Comuni
   
FOTO
Lo spagnolo Miguel Angel Jimenez, q...
 
FOTO
Il Salone del Golf Italiano a Veron...
 
FOTO
Alessandro Grammatica in azione
VIDEO
Il Piemonte
   
 

A pochi giorni dalla chiusura del Salone del Golf, è ora di bilanci. Ed è positivo quello per la prima edizione di TeeTime-Borsa internazionale del Turismo del Golf che si è svolta in concomitanza con con la fiera veronese: 25mila presenze, un numero importante per dare impulso alla marca Italia Golf & Turismo. Durante i giorni del TeeTime, nell'area Business in campo, si sono svolti convegni tematici con la partecipazione di esperti del settore. I temi: "Turismo e stagionalità - Proposte per lo sviluppo e la valorizzazione del territorio grazie ai turismi di nicchia”; “Aspetti fiscali, finanziari, commerciali e giuridici della gestione di un circolo e le ricadute positive sull'economia e la valorizzazione del territorio circostante”; “Federturismo confindustria: modelli contrattuali per il golf ed evoluzione normativa”. Importante inoltre il momento B2B con il workshop che ha visto il confronto fra buyer e seller del settore, preceduto da un tour con la visita di strutture primarie del territorio che coniugano l'offerta sportiva alla proposta turistica ed enogastronomica. Con la prima edizione di TeeTime nasce quindi l'area dedicata all'esposizione di territori, campi da golf  e strutture turistiche per l'affermazione di una marca Italia Golf & Turismo. Accolto con entusiasmo  da operatori e strutture il momento B2B, il workshop business in campo che con la formula TeeTime si rinnova e diventa permanente. Un momento per esaltare il golf in tutte le sue declinazioni, dunque. Che non si esaurisce con le giornate di Verona, ma che da lì prende spunto per delineare un progetto che duri tutto l'anno e che ha come prossimo appuntamento l'edizione 2013 del TeeTime. "E' nostra intenzione fare del TeeTime un momento in cui tirare le somme di un lavoro continuativo che si svolga durante tutto l'anno - così Claudio Ucci, general manager di Euroconsulting, società organizzatrice del TeeTime - per creare una base di conoscenza e formazione utili allo sviluppo della marca Italia Golf & Turismo. Fra queste azioni c'è il  workshop 'permanente' ossia un follow up dell'appuntamento fieristico che vada a creare opportunità di scambio, di investimento e business tra i partecipanti. Di fatto, una piazza virtuale per l'incontro domanda e offerta”.

A pochi giorni dalla fine dell'expo TeeTime iniziano i lavori con Federalberghi per delineare il brand Golf Hotels al fine di identificare meglio le strutture che possano offrire elevata qualità di servizi mirati al turista golfista. Con Confindustria, inoltre, si sta lavorando per la sottoscrizione di un protocollo di intesa volto allo sviluppo di una rete nazionale dei Golf Club italiani. TeeTime ha il patrocinio del Ministero per gli affari regionali, il turismo e lo sport, Federturismo Confindustria, Federalberghi, Assoturismo - Confesercenti ed Enit - Agenzia Nazionale del Turismo. 

Commenti (0) | Tags: Sig | Salone | Golf | Verona | TeeTime |
 
 
Cerca nel sito











Una vittoria da leggenda. Dopo due mostri sacri come Jack Nicklaus e Tiger Woods, Rory McIlroy diventa il terzo giocatore a vincere tre differenti major a 25 anni con la conquista del suo primo Open Championship. Una giornata da incorniciare quella di ieri, ma il momento più toccante è stato al termine dell'ultimo putt imbucato alla 18 sotto gli applausi scroscianti del pubblico. Rory si gira e la prima persona che abbraccia è la mamma Rosie. Ecco l'ennesima dimostrazione che non è importante quanta fama, soldi e successo si abbiano perché, in fondo, la mamma è sempre la mamma!
Una vittoria da leggenda. Dopo due mostri sacri come Jack Nicklaus e Tiger Woods, Rory McIlroy diventa il terzo giocatore a vincere tre differenti major a 25 anni con la conquista del suo primo Open Championship. Una giornata da incorniciare quella di ieri, ma il momento più toccante è stato al termine dell'ultimo putt imbucato alla 18 sotto gli applausi scroscianti del pubblico. Rory si gira e la prima persona che abbraccia è la mamma Rosie. Ecco l'ennesima dimostrazione che non è importante quanta fama, soldi e successo si abbiano perché, in fondo, la mamma è sempre la mamma!