-->

WGC: la legge del numero uno

Di Ufficio Stampa FIG

Dustin Johnson infila la seconda vittoria consecutiva,
quarta in un WGC, e consolida il primato. In classifica
seguono Fleetwood, Fisher e Rahm. Bene Molinari (20°) 

Per la classifica in tempo reale, clicca qui

QUARTO GIRO – Francesco Molinari (279 – 71 72 70 66, -5) con un bel finale, sottolineato da un parziale di 66 (-5) colpi, ha ottenuto un buon 20° posto, risalendo dal 38°, nel WGC Mexico Championship, il primo dei quattro eventi del World Golf Championships, il mini circuito mondiale, disputato al Club de Golf Chapultepec (par 71), di Città del Messico, con la partecipazione di 77 giocatori, quasi tutti tra i più forti al mondo.

Ha siglato il secondo successo consecutivo con 270 colpi (70 66 66 68, -14) Dustin Johnson, che ha così avallato la leadership nel World Ranking, conquistata due settimane addietro insieme al titolo del Genesis Open. Il 32enne di Columbia (South Carolina) ha superato il tenace inglese Tommy Fleetwood, secondo con 271 (-13), l’inglese Ross Fisher e lo spagnolo Jon Rahm, terzi con 272 (-12), il belga Thomas Pieters e Justin Thomas, in vetta dopo tre turni, quinti con 273 (-11). Nulla da fare per Phil Mickelson e il nordirlandese Rory McIlroy, settimi con 274 (-10), per Jordan Spieth e l’iberico Sergio Garcia, 12.i con 277 (-7). Mai in corsa l’australiano Adam Scott, campione uscente, 45° con 285 (+1).

Dustin Johnson ha portato a 14 i titoli in carriera, comprensivi di un major, e ha firmato il quarto torneo WGC con cinque birdie e due bogey per il  68 (-3) risolutore. Per lui 1.660.000 dollari su un montepremi di 9.750.000 dollari. Francesco Molinari, dopo tre giri altalenanti, ha trovato il passo giusto: gioco preciso, sia lungo che corto, e cinque birdie senza bogey per il 66, secondo miglior score di giornata.

TERZO GIRO – Francesco Molinari, 38° con 213 colpi (71 72 70, par) è rimasto in media classifica nel terzo giro del WGC Mexico Championship, il primo dei quattro eventi del World Golf Championships, il mini circuito mondiale, che si sta svolgendo sul percorso del Club de Golf Chapultepec (par 71), a Città del Messico, con la partecipazione di 77 giocatori, quasi tutti tra i più forti al mondo.

Cambio al vertice dove si è portato con 201 colpi (69 66 66, -12) Justin Thomas, autore di un 66 (-5) impreziosito da una “hole in one” (buca 13, par 3, yards 225, ferro 6). Nulla ha potuto il nordirlandese Rory McIlroy per difendere la leadership acquisita nel secondo turno, ma è sceso al terzo posto con 203 (-10) alla pari con Phil Mickelson, cedendo il secondo a Dustin Johnson (202, -11), neo leader mondiale. Superlativo il giro di Jordan Spieth, che sulle terze buche firma uno score di 8 sotto il par (tre colpi meglio dei secondi di giornata) e recupera addirittura 30 posizioni, issandosi al decimo posto (-7).

Sarà sicuramente un gran finale nel quale potranno dire la loro anche l’inglese Lee Westwood e lo spagnolo Jon Rahm, quinti con 204 (-9), gli inglesi Tommy Fleetwood e Tyrrell Hatton e il belga Thomas Pieters, settimi con 205 (-8).

Justin Thomas, 24enne di Louisville (Kentucky), quattro titoli nel circuito di cui tre colti in questo avvio di stagione, oltre all’ace, ha completato lo score con cinque birdie e due bogey. Francesco Molinari, partito dalla buca 10, ha guadagnato un colpo sul par in uscita (due birdie e un bogey) e poi lo ha mantenuto nel rientro (tre birdie e tre bogey alternati) siglando un 70 (-1). Il montepremi è di ben 9.750.000 dollari.

Il torneo su Sky – La giornata finale del  WGC Mexico Championship sarà teletrasmessa in diretta da Sky con collegamento domenica 5 marzo, dalle ore 19,45 alle ore 24 (Sky Sport 3 HD).

SECONDO GIRO – Francesco Molinari, 40° con 143 colpi (71 72, +1), ha perso dodici posizioni nel secondo giro del WGC Mexico Championship, il primo dei quattro eventi del World Golf Championships, il mini circuito mondiale, che si disputa  sul percorso del Club de Golf Chapultepec (par 71), a Città del Messico, con la partecipazione di 77 giocatori, quasi tutti tra i più forti al mondo.

Ha attaccato decisamente il nordirlandese Rory McIlroy, numero tre del World ranking, che con un 65 (-6), miglior score di giornata, e il totale di 133 (68 65, -9) ha preso due colpi di margine su Phil Mickelson, Justin Thomas e sull’inglese Ross Fisher (135, -7). Al quinto posto con 136 (-6) Dustin Johnson, leader mondiale, Daniel Berger e l’inglese Andy Sullivan, all’ottavo con 137 (-5) il tedesco Martin Kaymer e al 15° con 138 (-4) Rickie Fowler. Ha lo stesso score di Molinari anche Jordan Spieth, è 46° con 144 (par) il giapponese Hideki Matsuyama e si trova quasi in coda l’australiano Adam Scott, campione uscente, 68° con 149 (+7).

Rory McIlroy, appena rientrato dopo un infortunio, ha fissato il 65 con un eagle, sei bridie e due bogey. Se vince e Dustin Johnson si classifica dopo il quarto posto torna al vertice mondiale. Francesco Molinari, come nel primo giro, ha perso quasi in avvio due colpi, con due bogey di fila, poi ha segnato un birdie prima della virata e nelle buche di rientro (le prime del tracciato essendo partito dalla 10ª) ha rincorso vanamente il par alternando per tre volte un bogey e un birdie. Il montepremi è di ben 9.750.000 dollari.

Il torneo su Sky – Il WGC Mexico Championship viene teletrasmesso in diretta da Sky. Terza giornata: sabato 4 marzo dalle ore 18 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD).

PRIMO GIRO – Francesco Molinari, 28° con 71 (par), è a metà classifica nel WGC Mexico Championship, il primo dei quattro eventi del World Golf Championships, il mini circuito mondiale, iniziato sul percorso del Club de Golf Chapultepec (par 71), a Città del Messico, con la partecipazione di 77 giocatori, quasi tutti tra i più forti al mondo.

Sei al comando con 67 (-4) colpi, Phil MIckelson, Jimmy Walker, Ryan Moore, lo spagnolo Jon Rahm e gli inglesi Ross Fisher e Lee Westwood e sette all’inseguimento con 68 (-3) tra i quali Matt Kuchar, il nordirlandese Rory McIlroy e l’iberico Sergio Garcia. Ha contenuto il distacco Dustin Johnson, neo leader mondiale, 20° con 70 (-1), e hanno lo score di Molinari anche Jordan Spieth e Patrick Reed. Punteggi sopra par per il giapponese Hideki Matsuyama, 41° con 72 (+1), e per l’australiano Adam Scott, campione uscente 47° con 73 (+2).

Nel sestetto all’avanguardia Ross Fisher e Jon Rahm hanno segnato cinque birdie e un bogey. Per Jimmy Walker, Phil Mickelson e Ryan Moore, sei birdie e due bogey e per Lee Westwood otto birdie e quattro bogey. Francesco Molinari si è gravato di due bogey dopo cinque buche, poi ha ricostruito con pazienza lo score scendendo un colpo sotto par alla buca 17, dopo quattro birdie e un bogey, ma sull’ultimo green il quarto errore l’ha riportato a livello. Il montepremi è di ben 9.750.000 dollari.

Il torneo su Sky – Il WGC Mexico Championship viene teletrasmesso in diretta da Sky. Seconda giornata: venerdì 3 marzo dalle ore 20 alle ore 1 (Sky Sport 2 HD).

© RIPRODUZIONE RISERVATA 05 marzo 2017
Tags
Ultimi articoli