-->

Ping: la nuova collezione 2018

Di Andrea Vercelli

Tra le grandi novità del celebre brand il driver G400 Max, i ferri G700, i wedge Glide 2.0 Stealth e i putter Vault 2.0

Mancano ormai pochi giorni alla principale fiera del settore golfistico, il PGA Show, in programma dal 23 al 26 di gennaio a Orlando in Florida, appuntamento al quale tutte le principali case di attrezzatura mondiale arrivano in grande stile pronte a presentare tutte le loro ultime novità per la stagione appena iniziata.

“La nostra missione da sempre è quella di aiutare i golfisti a giocare meglio e sappiamo che per farlo tutto parte da un bastone che permetta di ottenere grandi performance ma che sia allo stesso tempo facile e tollerante – ha dichiarato John K. Solheim, presidente di Ping. “Il nuovo driver G400 Max è stato creato con alcune delle tecnologie applicate al precedente G400 ma ne è stata ottimizzata la forma, per ottenere ancora più tolleranza, ovvero meno dispersione e score più bassi. Con l’aggiunta del modello Max nella famiglia dei driver G400 i golfisti avranno ora quattro differenti versioni tra cui poter scegliere in base al proprio gioco e alle caratteristiche tecniche, per esaltare al massimo il proprio gioco. Se il vostro problema è prendere i fariway dal tee allora il G400 Max è la migliore soluzione.”

Oltre al driver tante le novità Ping per il 2018; vediamole nel dettaglio proprio partendo dall’ultimo driver, il G400 Max.

G400 Max Driver

Nel driver G400 Max Ping è riuscita a raggiungere il più alto momento d’inerzia in un bastone ottimizzando il design della corona e della faccia attraverso una testa dal profilo più ampio e multi-materiale. I vantaggi nella tolleranza arrivano dalla testa di 460 cc e da quasi quattro volte il peso discrezionale creato dalla tecnologia della corona Dragonfly e da una faccia sottile e forgiato. Il suo peso ad alta densità posteriore in tungsteno avvolge la parte posteriore della soletta per aiutare a portare il MOI combinato (tacco/punta e alto/basso) oltre i 9.900 grammi cm2. La posizione del suo centro di gravità è più bassa e più arretrata rispetto a qualsiasi altro driver sul mercato per renderlo in assoluto il più tollerante mai prodotto, superando l’attuale G400.
“I nostri ingegneri si sono concentrati sull’aumento della tolleranza complessiva del driver pur mantenendo la grande distanza e il suono solido e potente dell’originale G400″ – ha spiegato Solheim-. È impressionante constatare quanto lunga e dritta tiri la palla il G400 Max. Il livello di tolleranza è oltre ogni limite mai raggiunto in un bastone e porta a una dispersione minima che consente una distanza e una precisione mai ottenute prima d’ora sul campo. Usando un launch monitor è basilare focalizzarsi sul proprio livello di dispersione e non solo sul miglior colpo”.
L’incremento sostanziale di tolleranza è stata apprezzata anche dai giocatori di Tour come Aaron Baddeley e Seamus Power, ambassador Ping, che hanno messo in gioco il nuovo driver G400 Max la scorsa settimana al Sony Open alle Hawaii.

L’esclusiva forgiatura e il processo di trattamento termico brevettato della faccia T9S+ alimentano un’area d’impatto più sottile e più potente, lavorata con precisione per elevare la velocità della palla su tutta la superficie. La faccia forgiata era anche strumentale per produrre una senzazione all’impatto di potenza e solidità.
Il nuovo driver G400 Max presenta un look originale grazie all’innovativa tecnologia di verniciatura a colori dello shaft Alta CB. Questa vernice vira al nero per ridurre le distrazioni durante l’address. Il design controbilanciato dell’Alta CB consente una maggiore massa nella testa per aumentare il trasferimento di energia.

Queste le tecnologie e le specifiche tecniche del driver G400 Max:

Costruzione multi-materiale: corpo titanio Ti 8-1-1 body, faccia forgiata T9S+, peso posteriore ad alta densità in tungsteno, pipetta settabile in leggero alluminio termoplastico
Opzioni di loft: 9⁰ e 10.5⁰
Peso della testa: 206 grammi
Volume della testa: 460 cc
Lunghezza standard: 45 3/4″ (Alta CB); 45 1/4″ (Ping Tour e altri shaft)
Settaggio del loft: fino a +-1⁰
Grip: Golf Pride Tour Velvet 360 in sei taglie (Blue -1/16″, Red -1/32″, Aqua -1/64″, White Std., Gold +1/32″, Orange +1/16″)
Opzioni di shaft: Ping Alta CB (counter-balanced) 55 (SR, R, S, X), Ping Tour 65, 75 (R, S, X), Alta Distanza 40
Shaft su ordinazione disponibili con sovrapprezzo: Mitsubishi Kuro Kage Silver Dual-Core TiNi 60 (R, S, X), Project X HZRDUS Yellow 75 (5.5, 6.0, 6.5), Aldila X-Torsion Copper (50R, 60S).

Prezzo: 469 euro.

Glide 2.0 Stealth wedge

I wedge Glide 2.0 Stealth con testa in acciaio al carbonio 8620 e scanalature fresate di precisione al laser generano un tocco più morbido e colpi con elevato spin per un grande controllo. La finitura Stealth ispirata al Tour diminuisce il riverbero e fa sembrare la testa più piccola; è applicata usando un processo speciale (Quench Polish Quench) che consente di preservare al meglio la finitura stessa.
Una scanalatura brevettata di precisione vicino al bordo inferiore nel 56⁰, 58⁰ e 60⁰ migliora il contatto con la palla (particolarmente nella parte bassa della faccia) per aumentare significativamente spin e controllo da tutti i lie. Il processo di fresatura è stato sviluppato dal team di progettazione e produzione Ping per consentire scanalature con un raggio del bordo più preciso, in modo da aumentare l’interazione con il rivestimento della palla all’impatto, creando più attrito, spin e controllo della traiettoria. Le scanalature nei wedge con loft minori (46°, 50° e 52°) sono fresate con una parete laterale di 20° e un raggio di spigolo di 0,35″ per prestazioni ottimali nei colpi pieni. Le versioni con loft più alto (54°, 56°, 58° e 60°) vengono fresate su un raggio del bordo di 0,004″ e una parete laterale di 28° per fornire più spin, specialmente attorno ai green. Quattro le solette disponibili (SS, WS, ES e TS) per assicurare al Glide 2.0 Stealth la massima versatilità in base ai differenti angoli d’attacco.

SS GRIND: 46°/12°, 50°/12°, 52°/12°, 54°/12°, 56°/12°, 58°/10°, 60/10°
Ideale per angoli d’attacco moderati e divot. Adatto alla maggior parte dei golfisti.

WS GRIND: 54°/14°, 56°/14°, 58°/14°, 60/14°
Design con soletta completa che garantisce sicurezza per i giocatori con un angolo d’attacco molto ripido. La curvatura ridotta e la larghezza aggiunta impediscono di scavare la palla.

TS GRIND: 58°/6°, 60°/6°
Design classico a mezzaluna ispirato al Tour. Semplifica il colpo e la precisione anche dai lie più difficili. Il rilievo del tacco consente di eseguire i colpi con faccia aperta ad aste difficili o da lie duri senza timore che il bordo inferiore sia troppo alto.

ES GRIND (54°/8°, 56°/8°, 58°/8°, 60°/8°)
Il design della suola è ispirato al modello Eye 2 offre il massimo in termini di prestazioni del bunker, derivante dal classico profilo piatto e dalla pipetta affusolata. Un ridefinito bordo inferiore migliora le prestazioni da ogni terreno.

Grip: Golf Pride Tour Velvet in sei misure (Blue -1/16″, Red -1/32″, Aqua -1/64″, White Std., Gold +1/32″, Orange +1/16″)
Shaft: acciaio Ping AWT 2.0 Wedge; grafite Ping CFS 65/70/80 (Soft R, R, S)

Shaft su ordinazione (senza sovrapprezzo): True Temper Dynamic Gold (S300, X100), Dynamic Gold 105 (R300, S300), Dynamic Gold 120 (S300, X100) Project X LZ (5.0, 5.5, 6.0, 6.5), True Temper XP95 (R, S,), Nippon NS Pro Modus 105 (S, X), KBS Tour (R, S, X).

Prezzo: 159 euro acciaio, 169 euro grafite.

Ferri G700

Con i G700 gli ingegneri Ping avevano come obiettivo la creazione di un ferro capace di offrire potenza e perdono sfruttando i vantaggi di un design a corpo cavo e di una sottile faccia in acciaio fresato, creando il ferro più lungo e con il volo più alto mai prodotto dall’azienda.
“Il desiderio dei golfisti di colpire i propri ferri in modo corretto e costante continua a crescere”, ha detto Solheim. “Noi vogliamo fornire differenti opzioni in modo da aumentare notevolmente la distanza senza sacrificare altre caratteristiche della prestazione quali la consistenza, la tolleranza e il feeling. Con il ferro G700 siamo stati in grado di realizzare tutto questo in un design accattivante con un suono all’impatto solido e potente”.
La costruzione a corpo cavo della testa in acciaio inox 17-4 consente una geometria interna che posiziona il peso lontano dalla faccia, creando una cornice per la flessione simile a quella dei legni in metallo e un coefficiente di rilascio alto per aumentare notevolmente la velocità della palla e produrre risultati di lancio impressionanti. L’acciaio Maraging, utilizzato anche nei legni da fairway G400, ibridi e crossover, è una delle leghe più resistenti al mondo ed è comunemente impiegato nell’industria aerospaziale, dove forza e flessibilità sono indispensabili. Queste proprietà lo rendono un materiale ideale per la faccia per offrire una maggiore flessibilità e generare una velocità della palla superiore e angoli di lancio più alti e consistenti.
“Con i G700 abbiamo ottenuto significativi aumenti della velocità della palla pur mantenendo la consistenza e il controllo che i golfisti necessitano per migliorare il loro gioco con i ferri”, ha detto Solheim. “Questo ferro ha anche un ottimo look generale, soprattutto all’address, e una finitura premium. Quando i golfisti lo colpiscono, sperimenteranno una sensazione e un suono che è diverso da qualsiasi altro bastone da noi prima prodotto”.

Costruzione multi-materiale: testa in acciaio Hollow-body 17-4, faccia in acciaio fresato C300 Maraging, finitira HydroPearl. Disponibile dal 4 al 9, PW, UW, SW in 10 codici colori (angolo di lie); il nero è lo standard.
Grip: Golf Pride Tour Velvet in sei taglie (Blue -1/16″, Red -1/32″, Aqua -1/64″, White Std., Gold +1/32″, Orange +1/16″)
Shaft: acciaio Ping AWT 2.0 (R, S, X); grafite Alta CB (counter-balanced) powered by AWT, UST Recoil 760 ES SMACWRAP (A), UST Recoil 780 ES SMACWRAP (R, S).
Shaft su ordinazione (senza sovrapprezzo): True Temper Dynamic Gold (S300, X100), Dynamic Gold 105 (R300, S300), Dynamic Gold 120 (S300, X100) Project X LZ (5.0, 5.5, 6.0, 6.5), True Temper XP95 (R, S,), Nippon NS Pro Modus 105 (S, X), KBS Tour (R, S, X).

Prezzo: acciao 185 euro cad., grafite 199 euro cad.

Vault 2.0 Putter

La nuova generazione di putter fresati al 100% è realizzata e progettata per offrire un tocco e prestazioni eccezionali grazie a innovazioni come la True Roll Technology (TR) oltre a un nuovo sistema di pesi personalizzabile. Il nuovo sistema offre differenti opzioni di peso in acciaio (testa dal peso standard), in tungsteno (15 grammi più pesante dello standard) e in alluminio (15 grammi più leggero dello standard) per adattarsi alle esigenze di ogni golfista.
“I putter PING Vault 2.0 sono vere opere d’arte progettate per performare al massimo”, ha detto Solheim. “L’artigianalità e i materiali utilizzati nei nostri processi di fresatura e finitura assicurano modelli di alta qualità che rispondono alle esigenze dei golfisti più esigenti. La possibilità di personalizzare i pesi offre inoltre un putter unico nel suo genere. ”
La tecnologia di fresatura di precisione TR garantisce una tolleranza elevata su tutta la faccia per una velocità costante nel post impatto. La forma della faccia fresata varia in profondità, consentendo agli impatti decentrati comunque di accelerare, migliorando la consistenza e diminuendo di fatto il numero di tre putt sui green.
Cinque i modelli disponibili: Dale Anser (blade), Voss (blade), B60 (blade), ZB (blade), Piper (Mid-Mallet) e Ketsch (Mallet). È possibile scegliere tra tre finiture premium (Stealth, Platinum o Copper). Il Dale Anser è ispirato a uno dei modelli originali Anser creati da Allan Dale Solheim e rifinito da suo padre Karsten Solheim. Il mallet Ketsch (con finitura Stealth o Slate) combina un corpo in alluminio aerospaziale 6061 completamente lavorato con una piastra in acciaio inossidabile per un MOI estremamente elevato e offre caratteristiche di allineamento eccezionali. Tutti i modelli sono progettati con diversi elementi di allineamento per coprire le esigenze di ogni tipo di golfista. Come parte del processo di costruzione personalizzata che garantisce un equilibrio ottimale, i putter tra i 34 “ei 36″ di lunghezza sono dotati di pesi in acciaio nella suola; i modelli da 34″ presentano un peso ridotto in tungsteno, mentre quella da 36” e più lunghi con pesi in alluminio.

Prezzo: 339 euro.

Per maggiori informazioni: www.ping.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA 16 gennaio 2018
Tags
Ultimi articoli