-->

PGA Tour: al playoff vince Woodland

Di Fulvio Golob

Nella gara di golf più insolita del mondo,
duello finale con sconfitta di Reavie.
Recupera 10 posti Francesco Molinari (40°).

Per la classifica in tempo reale, clicca qui

QUARTO GIRO – Alla prima buca di spareggio Gary Woodland (-18, 67 68 67 64) supera Chez Reavie (-18, 68 65 67 66) e si impone nel Waste Management Phoenix Open (PGA Tour), sul celebre percorso del TPC Scottsdale (par 71), in Arizona. Per Woodland, miglior giro di giornata (-7), con nove birdie (tre consecutivi sulle ultime buche) e due bogey. Sulle ultime due birdie anche di Reavie, che ha così strappato proprio all’ultimo colpo (un non facile putt da circa sei metri) il biglietto per lo spareggio.

Nel playoff alla 18, Woodland chiude in par, mentre Reavie deve accontentarsi di un 5 (bogey), per aver sbagliato il secondo colpo (finito a sinistra del green) e il successivo approccio, rimasto corto di circa cinque metri rispetto alla bandiera. Il putt ha poi sfiorato il bordo sinistro della buca, ma si è fermato a qualche centimetro dal bersaglio.

Per Woodland, 33enne del Kansas, nello spareggio finito in bunker con il drive ma impeccabile con i due colpi successivi, è il secondo successo sul Tour, dopo quello del Transition Championship nel marzo 2011. Per lui bel balzo in avanti nella classifica della FedEx Cup, sempre guidata da Patton Kizzire, dal 38° al 5° posto.

Terza posizione (-15) per la coppia americana formata da Ollie Schniederjans e Brendan Steele, autori rispettivamente di un 65 e un 67 sulle ultime 18 buche della gara.

Con prestazioni in tono minore hanno cancellato le possibilità di successo Rickie Fowler (finale da dimenticare, con tre bogey su 15, 16 e 17, per un 73 due sopra par) e Bryson DeChambeau (tre colpi persi fra 3 e 6, con ottimo ma tardivo recupero sulle buche finali, per un 70 di giornata che gli vale il quinto posto con Hadley, Kuchar e il redivivo Mickelson). Sottotono anche Jon Rahm, ieri secondo e a un passo dal diventare numero uno del World Ranking. Per lo spagnolo, 72 colpi e scivolata indietro di nove posizioni per l’11° finale, insieme a Fowler.

Francesco Molinari (-5, 70 69 71 69) chiude con un giro due sotto il par (un eagle, quattro birdie, due bogey e un doppio bogey) e si piazza al 40° posto, recuperando dieci posizioni rispetto al termine della terza giornata. Con questo piazzamento risale anche otto posizioni nella classifica della FedEx Cup ed è ora 166°.

Il montepremi era di 6.900.000 dollari con prima moneta di 1.242.000 dollari.

TERZO GIRO – Francesco Molinari, 50° con 210 (70 69 71, -3), ha perso tredici posizioni nel terzo giro del Waste Management Phoenix Open (PGA Tour), che termina sul percorso del TPC Scottsdale (par 71), a Scottsdale in Arizona. È rimasto da solo al comando con 199 (66 66 67, -14) Rickie Fowler che precede di un colpo lo spagnolo Jon Rahm, Chez Reavie e Bryson DeChambeau, in vetta con il leader dopo 36 buche. Al quinto posto con 201 (-12) Phil Mickelson, Daniel Berger e Xander Schauffele e al 26° con 207 (-6) Justin Thomas e Bubba Watson. Si è ritirato il giapponese Hideki Matsuyama, che difendeva il titolo.

Rickie Fowler, 29enne di Murrieta (California) con quattro successi nel tour e due nell’European Tour, ha girato in 67 (-4) colpi con cinque birdie e un bogey. Francesco Molinari, partito dalla buca 10, ha segnato quasi subito due birdie, poi ha perso i due colpi di vantaggio sul par con due bogey a chiudere (71, par). Il montepremi è di 6.900.000 dollari con prima moneta di 1.242.000 dollari.

Il torneo su Sky – Il Waste Management Phoenix Open viene teletrasmesso in diretta da Sky. Quarta giornata: domenica 4 febbraio dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 3 HD).

SECONDO GIRO – Francesco Molinari, 37° con 139 (70 69, -3), ha guadagnato nove posizioni nel secondo giro del Waste Management Phoenix Open (PGA Tour), sul percorso del TPC Scottsdale (par 71), a Scottsdale in Arizona. Sono al vertice con 132 (-10) e gli stessi parziali (66 66) Rickie Fowler e Bryson DeChambeau, seguiti con 133 (-9) da Daniel Berger e da Chez Reavie. Al quinto posto con 134 (-8) Chesson Hadley, Scott Stallings e Chris Kirk e tra gli undici concorrenti all’ottavo con 135 (-7) lo spagnolo Jon Rahm, numero due mondiale che ha una nuova occasione per salire sul trono, e Phil Mickelson. Hanno perso terreno Justin Thomas e Bubba Watson, 19.i con 136 (-6), ed è uscito al taglio Jordan Spieth, numero tre del world ranking, 73° con 142 (par) e out per un colpo. Si è ritirato il giapponese Hideki Matsuyama, che difendeva il titolo.

Rickie Fowler, 29enne di Murrieta (California) con quattro successi nel tour e due nell’European Tour, ha segnato sette birdie e due bogey per il 66 (-5) e Bryson DeChambeau, 23enne di Modesto (California) con un titolo e, secondo i tecnici, con un grande avvenire, ha fatto lo stesso con sei birdie e un bogey. Francesco Molinari, al via dalla buca 10, ha percorso in par le prime nove (due birdie, due bogey) e successivamente ha guadagnato due colpi con altrettanti birdie in sequenza. Il montepremi è di 6.900.000 dollari con prima moneta di 1.242.000 dollari.

Il torneo su Sky – Il Waste Management Phoenix Open viene teletrasmesso in diretta da Sky. Terza giornata: sabato 3 febbraio dalle ore 21 alle ore 1 (Sky Sport 2 HD).

PRIMO GIRO – Bill Haas è al vertice con 64 (-7) colpi nel Waste Management Phoenix Open (PGA Tour), iniziato sul percorso del TPC Scottsdale (par 71), a Scottsdale in Arizona, dove Francesco Molinari è 46° con 70 (-1). Haas precede di due colpi Rickie Fowler, Bryson DeChambeau, Billy Horschel, Chesson Hadley e Chris Kirk (66, -5). Al settimo posto con 67 (-4) Bubba Watson e lo spagnolo Jon Rahm, numero due mondiale che ha una nuova occasione per salire sul trono, al 12° con 68 (-3) Justin Thomas, al 29° con 69 (-2) il giapponese Hideki Matsuyama, campione uscente, al 46° Phil Mickelson e all’83° con 72 (+1) Jordan Spieth.

Bill Haas, 36enne di Charlotte (North Carolina) con sei titoli nel circuito e un successo nella FedEx Cup (2011), ha realizzato un eagle e cinque birdie. Francesco Molinari ha iniziato con un bogey, ha chiuso con due birdie. In mezzo due birdie e altrettanti bogey.

Il percorso molto particolare, con grande capienza, quasi con caratteristiche di uno stadio di calcio e con la buca 16 (par 3) forse unica nel suo genere, contornata da tribune, in cui Molinari realizzò una “hole in one” nel 2015, ha ospitato oltre ottantamila spettatori nella Pro Am che ha anticipato il torneo e alla quale hanno preso parte alcune stelle dello sport americano tra le quali Michael Phelps. Il montepremi è di 6.900.000 dollari con prima moneta di 1.242.000 dollari.

Il torneo su Sky – Il Waste Management Phoenix Open viene teletrasmesso in diretta da Sky. Seconda giornata: venerdì 2 febbraio dalle ore 21 alle ore 1 (Sky Sport 2 HD).

PROLOGO – Francesco Molinari torna subito in campo nel Waste Management Phoenix Open (1-4 febbraio), sua seconda gara nel 2018 dopo la partecipazione con 45° posto al Farmers Insurance Open. Sul percorso del TPC Scottsdale,  a Scottsdale in Arizona, difende il titolo il giapponese Hideki Matsuyama, ma sarà osservato speciale lo spagnolo Jon Rahm, numero due del world ranking, al secondo tentativo di salire sul trono mondiale, dopo aver mancato il primo la scorsa settimana, e che sarà favorito ancora una volta dall’assenza del leader Dustin Johnson.

Nel field Jordan Spieth, numero tre, Rickie Fowler, numero sette, Phil Mickelson, Zach Johnson, Keegan Bradley, Matt Kuchar, Patrick Reed, Bubba Watson e lo svedese Alex Noren, sconfitto al playoff nel Farmers dall’australiano Jason Day.

Francesco Molinari, ancora bisognoso di rodaggio dopo la pausa invernale, aveva iniziato bene a San Diego, poi i suoi score si sono alzati e ha veleggiato a metà classifica. Il montepremi è di 6.900.000 dollari con prima moneta di 1.242.000 dollari.

Nella foto del 2015, Francesco Molinari dopo la famosa hole in one alla 16, celebre buca trasformata in un vero e proprio stadio.

Il torneo su Sky – Il Waste Management Phoenix Open sarà teletrasmesso in diretta da Sky. Prima giornata: giovedì 1 febbraio dalle ore 21 alle ore 1 (Sky Sport 2 HD).

© RIPRODUZIONE RISERVATA 02 febbraio 2018
Tags
Ultimi articoli