-->

PGA: Spieth controlla e sbanca Pebble Beach

Di Andrea Ronchi

Nono successo sul Tour per il 23enne fuoriclasse di Dallas,
che nell’ultimo giro non rischia nulla e vince con quattro
colpi di vantaggio. Alle sue spalle Kraft, D. Johnson e Snedeker

Per la classifica finale, clicca qui

QUARTO GIRO – Con uno score di giornata di -2 (altrettanti birdie alla 2 e alla 17) e un totale di -19, Jordan Spieth conquista in souplesse la AT&T Pebble Beach Pro-Am, suo nono successo sul Tour americano. Il vincitore di due major (2015) torna alla vittoria dopo oltre nove mesi (primo nello scorso maggio nel Dean & Deluca Invitational) e conferma di essere in gran forma. Nelle cinque gare fin qui disputate nella nuova stagione è sempre entrato nei primi dieci, con due terzi, un sesto e un nono posto che affiancano il trionfo californiano di Pebble Beach. Da segnalare inoltre che fin qui ha firmato 20 score tutti sotto par.

Arrivato con sei colpi di vantaggio alla partenza della buca 55, Spieth  (-19, 68 65 65 70) ha condotto un ultimo giro senza prendere nessun rischio. Solo in un paio di occasioni ha dovuto impegnarsi per non incorrere in un bogey, per il resto par senza problemi, affiancati da un paio di birdie.

Alle sue spalle un altro texano, il 28enne Kelly Kraft, che aveva finora un palmarès con un solo piazzamento nei primi dieci (quinto nel John Deere Classic dello scorso agosto). Kraft è arrivato fino a tre colpi da Spieth poi ha concluso a quattro lunghezze, una meno di Dustin Johnson e due meno di Brandt Snedeker. In quinta posizione il terzetto formato da Gary Woodland, dal numero uno mondiale Jason Day, apparso in confortante recupero dopo la lunga assenza dai campi di gara, e l’ormai affermato giovane spagnolo Jon Rahm.

Il montepremi era di 7.200.000, 1.296.000 dei quali sono andati a Jordan Spieth. Prossimo appuntamento, sempre in California, quello con il Genesis Open, al Riviera CC. In palio 7 milioni di dollari a partire da giovedì 16 febbraio. Al via fra gli altri, Day, Casey, Garcia, D. Johnson, Koepka, Matsuyama, Mickelson, Snedeker, Watson. Sarà alla partenza anche il nostro Francesco Molinari.

TERZO GIRO – Jordan Spieth sembra tornato quello di due stagioni fa. Già nei precedenti tornei il 23enne di Dallas aveva dato segnali di stare tornando in gran forma e sui meravigliosi percorsi della penisola di Carmel Monterey, in California, Jordan sta confermando alla grande questa impressione. Nella celebre Pro-Am sponsorizzata da AT&T, dopo 54 buche è ben 17 sotto par (68 65 65), risultato ottenuto sui tre campi di Pebble Beach, Spyglass Hills e Monterey Peninsula. Con un tris di score di questo genere, Spieth ha scavato un bel solco fra sé e gli avversari, visto che Brandt Snedeker, secondo in classifica, ha sei colpi di ritardo e Dustin Johnson, terzo pari merito con Kelly Kraft, è a +7 rispetto al texano.

Brutto giro di Jason Day (75), che perde dieci posizioni e sale a -7, cioè dieci lunghezze dal leader. Al quinto posto Rob Oppenheim (-9) e un colpo dietro tre in grande recupero (Ogilvy, Stallings e il fortissimo giovane spagnolo Rahm), più Derek Fathauer, scivolato invece indietro di cinque posizioni.

Oggi gran finale sul magico percorso di Pebble Beach. Il cospicuo montepremi è di 7.200.000 dollari.

PRIMI DUE GIRI – Stessa sorte giovedì e venerdì. Prima la pioggia e poi la nebbia frenano il regolare svolgimento dell’AT&T Pebble Beach Pro-Am, sul famosi percorsi di Carmel Monterey, in California. Al momento dell’interruzione conduce Jordan Spieth (secondo giro concluso), a -10 insieme a Derek Fathauer, cui manca l’ultima buca di Pebble Beach, uno dei tre percorsi coinvolti nella gara insieme a Spyglass Hills e Monterey Peninsula. A una lunghezza il numero uno mondiale, Jason Day, fermo però solo alla 12.a buca dello Spyglass. A -7 Patrick Reed (17 Monterey) e il coreano Seung-Yul Noh (13 Pebble Beach).

Recupera 44 posti il giovane spagnolo Jon Rahm, che è 13° (-4) insieme a Dustin Johnson. 42.i Phil Mickelson e Justin Rose (-1).

PROLOGO: Appuntamento con il grande golf su Sky Sport HD, che da giovedì 8 a domenica 12 febbraio 2017 trasmetterà in diretta esclusiva e in Alta Definizione un torneo del circuito americano.

Per lo US PGA Tour, sul percorso del Golf Links del Pebble Beach Resort, in California, si gioca l’AT&T Pebble Beach Pro-Am, evento che vede in campo professionisti e celebrità del mondo dello spettacolo, appassionate di golf.

Su Sky Sport HD, in diretta esclusiva e in Alta Definizione, tutte le quattro giornate di gara dalle 21, prima e seconda su Sky Sport 2 HD, terza e quarta su Sky Sport 3 HD.

Sul green di Pebble Beach un field di ottimo livello, con al via, fra gli altri, il numero uno del ranking mondiale, l’australiano Jason Day, l’inglese Luke Donald, l’irlandese Padraig Harrington e il fijiano Vijay Singh.

Fra gli americani, da segnalare la presenza di Dustin Johnson, Jordan Spieth, Jim Furyk, Matt Kuchar, Phil Mickelson, Patrick Reed e Vaughn Taylor, vincitore del torneo nel 2016.

Il torneo è dotato di un montepremi complessivo di 7.200.000 dollari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA 13 febbraio 2017
Tags
Ultimi articoli