-->

PGA: primo successo per Justin Thomas

Di Fulvio Golob

Nel CIMB Classic a Kuala Lumpur, il giovane
americano resiste al grande ritorno di Adam Scott

Per il tabellone in tempo reale, clicca qui 
QUARTO GIRO – Justin Thomas ce l’ha fatta. Partito in testa fin dal primo giorno il 22enne giocatore del Kentucky (-26, 68 61 67 66)  riuscito a conservare un’incollatura di vantaggio, imponendosi nel CIMB Classic, sul percorso del Kuala Lumpur GC, in Malesia. Prima vittoria per lui senz’altro meritata, vista la condotta di gara sempre al comando, ma grande rischio di buttare tutto al vento quando, dopo aver realizzato tre birdie e un eagle è incappato in un pesante doppio boghe alla 14. Ma Thomas non si è perso d’animo e ha reagito benissimo, infilando i tre birdie consecutivi (15, 16 e 17) che gli hanno dato la vittoria.
Non è perciò bastato un grandissimo Adam Scott nell’ultimo giro, chiuso con il miglior score di giornata. Per l’australiano (-25, 68 66 66 63) sette birdie e un eagle che gli hanno pero solo permesso di conquistare la seconda piazza del ricco torneo, con 7 milioni di dollari di montepremi, di cui ben 1.260.000 andati a Justin Thomas.
Al terzo posto, appaiati in classifica con -24, Brendan Steele, che era in testa con Thomas dopo 54 buche, e Kevin Na, che invece ha mantenuto la sua posizione. Quinto (-22) il giapponese Hideki Matsuyama. Prossimo appuntamento del PGA Tour, dal 5 all’8 novembre, di nuovo negli Stati Uniti, per il Sanderson Farms Championship.
TERZO GIRO – Justin Thomas e Brendan Steele (-20) si contendono la testa della classifica. Il 22enne del Kentucky (68 61 67) e il 32enne californiano (67 63 66) hanno però solo un colpo di vantaggio su Kevin Na (-19, 67 66 64), autore del miglior score di giornata (-8), insieme all’altro statunitense di origine asiatica, James Hahn, che con -17 guida un quartetto formato anche da Brian Harman, Spencer Levin e dal giapponese Hideki Matsuyama. Dovrebbero essere questi uomini a contendersi la vittoria nell’ultimo giro, anche se qualche chance le hanno senz’altro anche Adam Scott e Scott Piercy, ottavi a -16.
77 i giocatori rimasti in campo per il CIMB Classic e montepremi tutt’altro che trascurabile di sette milioni di dollari.
SECONDO GIRO – Con uno strepitoso 61, 11 sotto il par, Justin Thomas recupera 15 posizioni e si issa al primo posto del CIMB Classic, gara del PGA Tour che si svolge sul percorso del Kuala Lumpur Golf Club,  nella capitale della Malesia. Thomas (-15, 68 61) segna sullo score un -6 sulle prime nove buche (quattro bridge e eagle alla 3) poi fa quasi il bis sulle seconde, chiuse cinque sotto il par. Il 22enne del Kentucky riesce a superare di un colpo Brendan Steele (-14), autore comunque oggi di un eccellente 63, che a sua volta ha un’incollatura di vantaggio sul terzetto a -13 formato da Spencer Levin, Scott Piercy e dal giapponese Hideki Matsuyama. Da segnalare all -11 di Kevin Na, il -10 di Adam Scott e il -8 di Keegan Bradley. 78 i giocatori in campo per il CIMB Classic e montepremi di sette milioni di dollari.
PRIMO GIRO – Il circuito americano fa tappa questa settimana in Malesia, nella sua capitale Kuala Lumpur. Una toccata e fuga sul continente asiatico, in cui i due tour mondali si ricongiungeranno poi per il WGC Championship di Shanghai, a inizio novembre. Sotto le celebri Petronas Tower, che per qualche anno sono state i grattacieli più alti del mondo, 78 i giocatori in campo per il CIMB Classic, che mette in palio la non disprezzabile cifra di sette milioni di dollari.
Dopo il primo giro comanda il gruppo Scott Piercy (nella foto), con un notevole 62 (10 sotto) che gli ha consentito di staccare di tre lunghezze il secondo, e cioè il giapponese Hideki Matsuyama. Seguono poi in cinque al terzo posto, con 66 colpi: Jason Gore, Charles Howell III, Keegan Bradley, l’australiano Cameron Smith e il tedesco Alex Cejka.
Fra gli altri, in gara Kevin Na e Branden Grace (-5), Patrick Reed, Padraig Harrington e Adam Scott (-4), Jason Dufner e Paul Casey (-3), Sergio Garcia (-2).
© RIPRODUZIONE RISERVATA 31 ottobre 2015
Tags
Ultimi articoli