Open d’Italia nomi importanti nel field

Di Andrea Ronchi

Al Golf Club Milano dal 15 al 18 settembre in gara Willett, Kaymer. Montepremi raddoppiato a 3 milioni di euro.
Ingresso gratuito per il pubblico

Un field delle grandi occasioni per il 73° Open d’Italia (15-18 settembre Golf Club Milano), che vivrà la prima edizione con montepremi da 3 milioni di euro dopo l’assegnazione all’Italia della Ryder Cup 2022. Alla chiusura delle iscrizioni sono tanti i giocatori di primo piano che scenderanno in campo sul percorso lombardo. Oltre allo spettacolo sul campo, la manifestazione offrirà anche molte attività dedicate al pubblico, e in particolare alle famiglie e ai bambini.

Il 73° Open d’Italia, gara in calendario nell’European Tour e fiore all’occhiello dell’Italian Pro Tour, sarà preceduto mercoledì 14 dalla CheBanca! Pro Am. La conferenza stampa di presentazione dell’Open d’Italia si terrà il 5 settembre alle ore 11,30 nella Villa Reale a Monza.

Il field – L’elevata caratura dei protagonisti è sottolineata da numeri di rilievo. Saranno al via cinque vincitori di major, Martin Kaymer, Padraig Harrington, Y.E. Yang, Paul Lawrie e Danny Willett; undici giocatori tra i primi 50 nel world ranking, di cui lo stesso Willett (11°) è il più in alto, e complessivamente 24 fra i primi cento. Vi sarà un numero record per l’Open di giocatori di Ryder Cup, ben 23, tra i quali sette dei 12 che andranno a contendere il trofeo agli statunitensi nel Minnesota (30 settembre-2 ottobre): Martin Kaymer e Lee Westwood, che l’hanno già giocata, Willett, Chris Wood, Matthew Fitzpatrick, Andy Sullivan e Rafael Cabrera Bello, che debutteranno.

Nove i past winner, compresi Francesco Molinari, ultimo italiano a imporsi nel torneo (2006), e lo svedese Rikard Karlberg campione uscente, e 93 i vincitori di gare nell’European Tour, vale a dire che due terzi dei 156 partecipanti, in rappresentanza di 26 nazioni, sono in grado di poter puntare al successo.

Tra i tanti possibili protagonisti  ricordiamo anche Robert Karlsson, Alex Noren, Victor Dubuisson, Jamie Donaldson, Miguel Angel Jimenez, Pablo Larrazabal, Nicolas Colsaerts e gli orientali Thongchai Jaidee, Byeong Hun An, Anirban Lahiri e S.S.P. Chawrasia.

In casa azzurra Francesco Molinari, Edoardo Molinari, Matteo Manassero, Nino Bertasio e Renato Paratore hanno tutte le caratteristiche per competere in alta classifica e provare a riconquistare il titolo che sfugge da un decennio. In grado di porsi in evidenza anche Marco Crespi, Alessandro Tadini, Lorenzo Gagli, Nicolò Ravano, Francesco Laporta e Matteo Delpodio, elementi d’esperienza. Cinque i dilettanti ammessi, tra i quali Jacopo Vecchi Fossa, due successi stagionali in campo internazionale e prossimo al salto di categoria.

Il montepremi – Il montepremi, salito da 1.500.000 euro a tre milioni di euro, con prima moneta di 500.000 euro, ha portato l’Open d’Italia nella fascia medio alta delle gare europee. Nell’ambito del progetto Ryder Cup 2022, dall’Open d’Italia del 2017 fino all’edizione del 2027 il montepremi sarà di sette milioni di euro, portando così il torneo nella fascia elitaria mondiale.

Ryder Cup Trophy Tour – Il trofeo originale della Ryder Cup sarà esposto al pubblico al Golf Club Milano nell’ambito del Ryder Cup Trophy Tour. Un’occasione imperdibile per ammirare da vicino la prestigiosa coppa e celebrare con una foto la storica assegnazione all’Italia della Ryder Cup 2022.

Gli sponsor –  Il 73° Open d’Italia sarà sostenuto da un pool di qualificati sponsor. Major Sponsor: Rolex, Regione Lombardiae Mercedes Benz Italia. Title Sponsor Pro Am: CheBanca! del Gruppo Mediobanca. Sponsor: Emirates, Colmar, Lyoness, Frecciarossa. Media Partner: Sky Sport, Gazzetta dello Sport e Corriere della Sera, Rtl, Eurid. Partner istituzionali: FIG, CONI, European Tour, Race To Dubai, Golf Club Milano, Consorzio Villa Reale di Monza, Comune di Monza, Autodromo Nazionale di Monza. Fornitori ufficiali: Titleist, Konica Minolta, SIA, Maui Jim, Motorissima by Yamaha revs your heart, Noberasco, Ferrari, San Pellegrino, Peviani, Pic, ADS Group, Da Vittorio, Caffè del Doge. Charity Partner: ActionAid.

Il percorso di gara – Il Golf Club Milano ospiterà la gara per l’ottava volta, seconda consecutiva. Nel 2015 il tracciato, sul quale erano stati effettuati dei lavori, compreso il rifacimento del green della buca 10, ha avuto elogi incondizionati da parte di tutti i partecipanti. Quest’anno è stata effettuata una nuova importante modifica: sono stati uniti i tee delle buche 12 e 18, che hanno permesso di aumentare la lunghezza di entrambe.

La formula – Il 73° Open d’Italia si disputerà sulla distanza di 72 buche. Il taglio dopo 36 promuoverà agli ultimi due giri i primi 65 classificati dei 156 partenti, i pari merito al 65° posto e i dilettanti che rientreranno nel punteggio di ammissione.

Ingresso gratuito – L’ingresso per gli spettatori sarà libero sia nei giorni di gara, Special Events compresi, sia in quelli della prova campo e della Pro-Am. Gli spettatori potranno utilizzare le navette gratuite che partiranno la mattina dal centro di Milano verso il circolo, con ritorno la sera.

Family Open –Ricco il programma di attività, anche fuori dal campo, con un occhio di riguardo per le famiglie. I genitori potranno lasciare i loro figli in compagnia di personale qualificato della US Kids Golf Italy e di istruttori del CONI e con servizio baby sitter. Il 14 settembre la Pro Am US Kids vedrà scendere in campo 30 golfisti tra i 6 e i 14 anni che vivranno l’emozione di giocare insieme ai professionisti dell’European Tour.

Golf per tutti– Tutti gli spettatori avranno l’opportunità di provare il golf assistiti da maestri PGAI, mentre gli appassionati potranno testare le ultime novità dell’attrezzatura tecnica nell’area Demo Days. Inoltre, nel Villaggio dello Sport CONI si potrà far conoscenza con molte altre discipline, dando vita così a un festival dello sport italiano.

A tu per tu con i campioni – Tra gli Special Events più attesi, grande attesa per la sessione di “Questions and Answers” con i campioni del golf che sveleranno aneddoti e curiosità agli spettatori e le divertenti sfide sul green, come quella tra Matteo Manassero e Nino Bertasio, i rappresentanti azzurri alle Olimpiadi.

Un venerdi’… tricolore – La seconda giornata di gara sarà occasione per colorare di bianco, rosso e verde l’evento: tutto il pubblico è infatti invitato a presentarsi al Golf Club Milano indossando i colori della bandiera italiana, per  sostenere l’opera della charity partner ActionAid.

Street Food – Accanto al Villaggio Commerciale sarà allestita un’ampia area ristoro dove il pubblico potrà usufruire di diverse realtà di Street Food. Due aree di ristorazione saranno anche lungo il percorso. Il servizio di catering sarà a cura del ristorante “Da Vittorio”, Tre Stelle Michelin.

Web e Social Network – Tutte le informazioni relative al 73° Open d’Italia sono disponibili sul sito www.openditaliagolf.eu. Inoltre, sui profili facebook, twitter e instagram dell’Open d’Italia e della Federazione Italiana Golf news, aggiornamenti e curiosità scandiranno il countdown verso la massima manifestazione italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA 03 settembre 2016
Tags
Ultimi articoli