-->

L’ITALIAN OPEN FOR DISABLED RITORNA IL 3 E 4 MAGGIO AL PARCO DE’ MEDICI

Di Ufficio Stampa FIG

Il Golf Club Parco de’ Medici ospiterà il 3 e 4 maggio 2017 la 17ª edizione dell’Italian Open for Disabled, un evento che travalica i confini sportivi per esprimere alti contenuti sociali e sottolinea come il golf sia una disciplina veramente accessibile a tutti.

Si conferma così l’impegno della Federazione Italiana Golf, che ha costituito al suo interno un settore paralimpico con un qualificato staff tecnico, al fine di sostenere e agevolare la pratica e il gioco del maggior numero di golfisti disabili in Italia. Il circolo romano sarà anche il teatro di gara nel 2018 del Campionato Italiano Blind e del World Blind Championship, la rassegna mondiale per golfisti non vedenti recentemente assegnata all’Italia. Due vetrine internazionali di assoluto rilievo, che consentiranno ai nostri atleti di mostrare le proprie abilità nelle diverse categorie di disabilità e di visus per i non vedenti.

 

I PROTAGONISTI – All’Italian Open for Disabled insieme agli italiani, prenderanno parte giocatori provenienti da molte altre nazioni. Negli ultimi due anni, prima al Miglianico G&CC poi al GC Rapallo, il titolo è stato appannaggio del fortissimo Joakim Bjorkman. Lo svedese difenderà ancora una volta il titolo, così come proverà a ripetersi Pietro Andrini, vincitore a Rapallo della categoria pareggiata nel Campionato Italiano davanti a Michael Terzi e a Vincenzo Curtoni. Altri possibili protagonisti Paolo Vernassa, Edoardo Biagi, Angelo Casu, il portoghese José Pedro Sotomayor e il francese Mathieu Lebon.

Al debutto assoluto il Colonnello Roberto Punzo del Gruppo Sportivo Paralimpico Difesa. Una sfida nuova e molto stimolante per Punzo, rimasto paralizzato nel 2006 a seguito di una bomba esplosa in Libano durante una missione ONU e da pochi mesi appassionatosi al golf.

Tra i non vedenti parteciperanno Andrea Calcaterra, Chiara Pozzi Giacosa, più volte vincitori di importanti tornei in tutto il mondo, insieme a Stefano Palmieri e Mirko Ghiggeri, che stanno facendosi conoscere anche loro in campo internazionale.

 

FORMULA DI GIOCO – Il torneo, aperto a tutte le categorie di disabilità e alle sei categorie di golf handicap, si disputa sulla distanza di 36 buche, 18 al giorno. I giocatori di prima, seconda e terza categoria di hcp giocheranno con formula medal, gli appartenenti alle altre tre categorie con formula stableford.

 

PROVA DI GOLF PER SBARCA ONLUS – Per sottolineare la forza aggregante e inclusiva del golf, durante il primo giorno di gara i ragazzi di Sbarca Onlus (www.sbarca.com), associazione che si occupa dei giovani e degli adulti affetti da schiena bifida, saranno invitati dalla FIG a provare per la prima volta questo sport. Il golf rappresenta infatti un utile esercizio per la coordinazione e la concentrazione, adatto anche a persone costrette sulla sedia a rotelle. Ai partecipanti verrà data la possibilità di approcciarsi al gioco del golf, visitare il percorso di gara e porre eventuali domande ai tecnici.

 

LA SEDE DI GARA – Nato nel 1990, il Golf Club Parco De’ Medici ha già ospitato manifestazioni internazionali di prestigio come l’Open d’Italia femminile, con tre edizioni consecutive tra il 2005 e il 2007 e 7 edizioni del prestigioso torneo internazionale Ronald Mc Donald, evento con finalità benefiche per la Fondazione Ronald McDonald Italia. Ubicato all’interno del complesso alberghiero Sheraton Parco De’ Medici Rome Hotel, il Golf Club capitolino, si trova a dieci minuti d’auto dall’aeroporto internazionale di Fiumicino, tra l’autostrada ed il fiume Tevere, all’interno del Grande Raccordo Anulare. Il Circolo si estende su un’area di oltre 85 ettari, immersa nel verde. Dispone di 3 percorsi da gara per un totale di 27 buche, con par 35 e 37 del percorso bianco e blu; par 35 del percorso rosso, course rating 72,9, slope rating 135, 3 putting green, area pitch & putt e campo pratica con 12 postazioni coperte e 30 scoperte. Completa la struttura una Club House molto accogliente, con la sua splendida terrazza del ristorante situata di fronte al putting

© RIPRODUZIONE RISERVATA 27 aprile 2017
Tags
Ultimi articoli