-->

A Madrid primo Stewart, Laporta e Gagli quarti

Di Ufficio Stampa FIG

Il 31enne scozzese conquista il primo successo
sul secondo tour europeo. Completa
l’ottima prova azzurra il 19° posto di Pavan

Per la classifica in tempo reale, clicca qui

QUARTA GIORNATA – Bella prestazione di Lorenzo Gagli e Francesco Laporta nel Challenge de Madrid, torneo del Challenge Tour che si è svolto sul percorso del Real Club de Golf La Herrería (par 70), a Madrid in Spagna. I due azzurri hanno infatti chiuso al quarto posto, dopo avere entrambi accarezzato il sogno di una vittoria. Il fiorentino (69 66 71 70) era secondo a un solo colpo dal leader dopo 54 buche e il pugliese (64 69 77 66) aveva addirittura condotto i primi due giri, bloccandosi purtroppo con un brutto score nel terzo. Per loro un -4 finale insieme al francese Pavon, all’inglese Hanson e e al nordirlandese Selfridge.

Buon risultato anche per Andrea Pavan (-1, 71 69 68 71), terminato 19° dopo essere stato fra i top ten al termine del terzo giro. È finito 54° Niccolò Quintarelli, mentre non avevano passato il taglio Bergamaschi, Migliozzi, Ortolani, Maestroni, Crespi, Rota e Tadini. Ritirato dopo le prime 18 buche Delpodio.

Successo per il 31enne scozzese Duncan Stewart, al suo primo trionfo nel Challenge Tour e arrivato in Spagna grazie a un invito dello sponsor perché non disponeva dei risultati per accedere direttamente al torneo. Stewart (-8, 69 66 71 66) ha lasciato a un colpo di distanza l’inglese Ben Stow e a due lo spagnolo Pep Angles, in testa dopo 54 buche.

TERZA GIORNATA – Lorenzo Gagli, secondo con 206 colpi (69 66 71, -4), e Andrea Pavan, nono con 208 (71 69 68, -2), saranno in lotta per il titolo nel giro finale del Challenge de Madrid, torneo del Challenge Tour in svolgimento sul percorso del Real Club de Golf La Herrería (par 70), a Madrid in Spagna.

Si è portato in vetta con 205 (66 72 67, -5) l’iberico Pep Angles con un colpo di margine sul gruppo di Gagli che comprende anche l’inglese Chris Hanson, il nordirlandese Chris Selfridge, lo svizzero Benjamin Rusch e lo scozzese Duncan Stewart. Sono in corsa anche lo scozzese David Law e l’inglese Ben Stow, settimi con 207 (-3), e i due francesi Edouard Dubois e Matthieu Pavon, che affiancano Pavan.

Ha ceduto Francesco Laporta, leader nei primi due turni e sceso al 16° posto con 210 (64 69 77, par) e naviga in retrovia Niccolò Quintarelli, 42° con 214 (68 71 75, +4).

Pep Angles ha girato in 67 (-3) colpi e ha preso la leadership con due birdie nel finale dopo tre birdie e due bogey precedenti. Lorenzo Gagli ha condotto dodici buche con due birdie e un bogey e si è trovato in vetta, ma ha dovuto fare un passo indietro per due bogey (71, +1). Ha guadagnato trenta posizioni Andrea Pavan con un 68 (-2, tre birdie e un bogey) e non hanno segnato birdie Francesco Laporta (7 bogey per il 77, +7) e Niccolò Quintarelli (cinque bogey per il 75, +5).

Non hanno superato il taglio, caduto a 141 (+1), Filippo Bergamaschi, 93° con 144 (74 70, +4),  il dilettante Guido Migliozzi, 105° con 145 (72 73, +5), Michele Ortolani, 134° con 149 (69 80, +9), Andrea Maestroni (74 76) e Marco Crespi (70 80), 138.i con 150 (+10), Andrea Rota, 150° con 153 (80 73, +13), e Alessandro Tadini, 151° con 154 (74 80, +14). Si è ritirato Matteo Delpodio. Il montepremi è di 170.000 euro dei quali 27.200 andranno al vincitore.

SECONDA GIORNATA – Francesco Laporta è rimasto al comando con 133 colpi (64 69, -7) anche nel secondo giro del Challenge de Madrid, torneo del Challenge Tour in svolgimento sul percorso del Real Club de Golf La Herrería (par 70), a Madrid in Spagna.

Il 26enne pugliese di Castellana Grotte (BA) ha mantenuto un colpo di margine sui primi inseguitori, lo svedese Sebastian Soderberg, lo scozzese David Law e il gallese Rhys Enoch (134, -6). Bella anche la prova di Lorenzo Gagli, quinto con 135 (69 66, -5) alla pari con l’emergente francese Romain Langasque, da poco professionista, e con  lo scozzese Duncan Stewart.

Sono rimasti in gara Niccolò Quintarelli, 29° con  139 (68 71, -1), e Andrea Pavan, 39° con 140 (71 69, par), mentre non hanno superato il taglio, caduto a 141 (+1),  Filippo Bergamaschi, 93° con 144 (74 70, +4),  il dilettante Guido Migliozzi, 105° con 145 (72 73, +5), Michele Ortolani, 134° con 149 (69 80, +9), Andrea Maestroni (74 76) e Marco Crespi (70 80), 138.i con 150 (+10), Andrea Rota, 150° con 153 (80 73, +13), e Alessandro Tadini, 151° con 154 (74 80, +14). Si è ritirato Matteo Delpodio.

Francesco Laporta ha tenuto una condotta molto prudente realizzando un parziale di 69 (-1) con due birdie e un bogey. Lorenzo Gagli, invece, ha attaccato recuperando diciassette posizioni con un 66 (-4) frutto di otto birdie e quattro bogey per una altalena comunque redditizia. Per Quiintarelli 71 (+1) colpi con quattro birdie e cinque bogey e per Pavan 696 con tre birdie e due bogey. Il montepremi è di 170.000 euro dei quali 27.200 andranno al vincitore.

PRIMA GIORNATA – Francesco Laporta, con un’ottima prestazione sottolineata da uno score di 64 colpi (-6), è al comando del Challenge de Madrid, torneo in calendario nel Challenge Tour in svolgimento sul percorso del Real Club de Golf La Herrería (par 70), a Madrid in Spagna.

Il 26enne pugliese di Castellana Grotte (BA) ha distaccato di un colpo lo spagnolo Javier Colomo (65, -5) e di due il nordirlandese Chris Selfridge, l’olandese Reinier Saxton e gli iberici Pep Angles e Juan Sarasti (66, -4). Al settimo posto con 67 (-3) l’irlandese Ruaidhri McGee, il francese Jerome Lando Casanova e il gallese Rhys Enoch e al decimo con 68 (-2), anch’egli autore di una bella prova, Niccolò Quintarelli.

In casa azzurra hanno tenuto un buon passo Lorenzo Gagli e Michele Ortolani, 22.i con 69 (-1), ed è rimasto entro la linea del taglio Marco Crespi, 43° con 70 (par). Sono oltre Andrea Pavan, 69° con 71 (+1), il dilettante Guido Migliozzi, 85° con 72 (+2), Matteo Delpodio, Filippo Bergamaschi, Andrea Maestroni e Alessandro Tadini, 119.i con 74 (+4), e Andrea Rota, 153° con 80 (+10).

Laporta ha realizzato sei birdie, senza bogey, Quintarelli quattro birdie con due bogey, Gagli quattro birdie e tre bogey, Ortolani cinque birdie e quattro bogey e Crespi tre birdie e altrettanti bogey. Il montepremi è di 170.000 euro dei quali 27.200 destinati al vincitore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA 30 aprile 2016
Tags
Ultimi articoli