-->

La crudeltà della buca 8

Di Isabella Calogero

Vento contro, green minuscolo come una goccia e cinque bunker affamati da cui uscire è un azzardo: ecco in sintesi i pericoli del par 3 più corto della storia dell’Open Championship

Centoventidue yard di puro e brutale inferno golfistico col vento che ti urla in faccia.
Questa la prima impressione che ti assale quando metti piede sul tee del par 3 della 8 del Royal Troon: arrivi dal green della 7, sali la rampa, giri lo sguardo verso destra e niente, atterrare su quel green ti pare subito complicato come centrare una goccia di pioggia con la cerbottana. E infatti il green –minuscolo come un francobollo – ha proprio la forma di una goccia. O di una lacrima. Come quelle che temo verseranno in tanti qui a Troon uscendo da questa buca. Quattro bunker affamati come mastini napoletani ma grandi come uno Yorkshire da borsetta, aspettano di aprire le proprie fauci alle palline che vi atterreranno. Perché ve ne atterreranno tante, potete starne certi. E allora capisci perché gli inglesi non amano il bidet: perché ne hanno già talmente tanti a forma di trappola di sabbia sui campi da golf, che portarsene uno pure a casa pareva crudele.
Comunque: il peggiore dei cinque bunker della 8? Quello a destra. Profondo come la Fossa delle Marianne ma lontano dal green, da cui è separato da una sponda piazzata in parabolica manco fossimo sul circuito di Silverstone invece che a Troon. Morale: la palla fatica ad arrampicarsi fino alla superficie piana della bandiera. E spesso si ripresenta tra i piedi.
Quindi: da destra, morte certa. Da sinistra, per far volare la palla non più di un battito d’ali di una farfalla e per fermarla in green, forse vale il trucchetto tecnico di Robert Rock: aprire la faccia del sand e piazzarla 5 centimetri prima della palla, quindi colpire nella sabbia ancora prima di quei 5 centimetri. Una flappa imperiale: ecco cosa serve dal bunker di sinistra. Un battito d’ali di una farfalla. Che però si sa, è sempre pericoloso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA 13 luglio 2016
Tags
Ultimi articoli