-->

EuroTour: a Crans rispunta Fitzpatrick

Di Ufficio Stampa FIG

L’australiano Hend cede,
per il secondo anno consecutivo,
allo spareggio. Bertasio 44°

L’inglese Matthew Fitzpatrick (266 – 67 65 70 64, -14) ha vinto l’Omega European Masters, una delle classiche nel calendario dell’European Tour, allestita in collaborazione con l’Asian Tour, disputata sul percorso del Crans-sur-Sierre GC (par 70), a Crans Montana in Svizzera. Ha battuto con un par alla terza buca di spareggio l’australiano Scott Hend (266 – 64 63 71 68), che aveva iniziato al vertice il turno conclusivo.

Si è classificato al 44° posto con 277 (69 69 67 72, -3) Nino Bertasio, che dopo il gran recupero nel terzo turno ha perso un po’ di smalto nel finale.

In terza posizione con 269 (-11) l’inglese Tyrrell Hatton e il paraguaiano Fabrizio Zanotti, mai in corsa per il successo, in quinta con 270 (-10), il finlandese Mikko Ilonen, in sesta con 271 (-9) lo svedese Alex Noren, campione uscente, l’inglese Lee Slattery e il sudafricano Darren Fichardt e in nona con 272 (-8) il thailandese Thongchai Jaidee, il sudafricano Brandon Stone e il cinese Ashun Wu.

Matthew Fitzpatrick, 23enne di Sheffield, ha siglato il quarto titolo nel circuito rimontando quattro colpi a Hend, ma dopo averlo sorpassato gli ha concesso lo spareggio con un bogey alla 17ª. Ha comunque rimediato all’errore nelle buche supplementari e ha ricevuto un assegno di 450.000 euro su un montepremi di 2.700.000 euro. Quanto a Scott Hend, 44enne di Townsville con due allori nel tour, ha perso per il secondo anno consecutivo la gara al playoff, nel 2016 battuto da Noren

Nino Bertasio ha palesato alcune incertezze in avvio che si sono concretizzate con tre bogey contro un solo birdie sulle prime nove buche, poi ha segnato tutti par nei rientro per il 72 (+2) che gli ha fatto scendere la classifica di 23 gradini.

Non hanno superato il taglio, caduto a 140 (par), Matteo Manassero, 89° con 142 (72 70, +2), Renato Paratore, 116° con 145 (70 75, +5), Luca Cianchetti, 124° con 146 (72 74, +6), Edoardo Molinari, 131° con 147 (74 73, +7), e il dilettante Giacomo Fortini, 150° con 152 (72 80, +12).

© RIPRODUZIONE RISERVATA 09 settembre 2017
Tags
Ultimi articoli