Euro Tour: Pavan 22°, vince Lee Slattery

Di Ufficio Stampa FIG

Nell’M2M Russian Open, successo del giocatore
inglese, che riesce ad avere la meglio sull’argentino
Goya. Per l’azzurro anche il quarto giro sotto par

Per il tabellone finale, clicca qui

Lee Slattery, 37enne inglese di Southport, ha colto il secondo titolo nell’European Tour, a distanza di quattro anni dal primo, imponendosi con 269 colpi (66 67 67 69, -15) nel M2M Russian Open sul percorso dello Skolkovo Golf Club (par 71) a Mosca, in Russia. Ha condotto una buona gara Andrea Pavan, 22° con 277 (70 69 68 70, -7).

Slattery ha superato in un acceso duello finale l’argentino Estanislao Goya (270, -14), mentre il terzo posto è stato appannaggio con 271 (-13) dell’inglese David Horsey, campione uscente, che in realtà non è mai stato veramente in corsa per il titolo. Al quarto con 272 (-12) il nordirlandese Michael Hoey, lo spagnolo Pablo Martin, lo svedese Oskar Henningsson e l’inglese James Heath e all’ottavo con 273 (-11) il sudafricano Jake Roos, l’inglese Ben Evans e lo scozzese Craig Lee.

Slattery, leader con due colpi di vantaggio su Goya e su Lee dopo tre turni, ha iniziato male con un birdie e due bogey ed è stato sorpassato dopo sei buche da Goya, rinvenuto con due birdie. L’argentino ha tenuto alto il ritmo e con il quarto birdie di giornata alla 12ª ha portato a due i colpi di margine. A quel punto, però, è andato in black out  e con due bogey ha favorito l’avversario che, aiutandosi con un birdie alla 14ª, si è portato un colpo avanti e poi ha respinto con un altro birdie il tentativo di recupero in extremis operato dall’argentino con la stessa moneta. In totale 69 (-2) colpi con quattro birdie e due bogey per Slattery, gratificato con 166.660 euro su un montepremi di un milione di euro, e 68 (-3) per Goya con cinque birdie e due bogey.

Pavan, 13° al via, è partito con un bogey, ha recuperato con due birdie, ma non è riuscito a dare l’accelerazione necessaria per recuperare sulle buche finali (70, -1 di giornata). Non hanno superato il taglio, caduto a 142 (par), Alessandro Tadini, 72° con 143 (71 72, +1), ed Edoardo Molinari, 82° con 144 (73 71, +2).

© RIPRODUZIONE RISERVATA 06 settembre 2015
Tags
Ultimi articoli