Ecco il team europeo

Di Fulvio Golob

Foto di rito per la squadra di Ryder al gran completo,
con il capitano Clarke, i 12 giocatori e i vicecapitani.
La formula di gara dei tre giorni di matchplay

Siamo a un passo dalla Ryder Cup 2016. A Hazeltine (Minnesota), giovedì 29 serata con cerimonia d’apertura e poi da venerdì 30 i tre giorni di gara. Qui sopra vi presentiamo la squadra europea, composta dal capitano Darren Clarke, da 12 giocatori e da cinque vicecapitani. Li riconoscete tutti nella foto? Provate a indicarli uno per uno e, se non ci riuscite, vi aiutiamo noi.

Da sinistra: Thomas Bjorn e Padraig Harrington (vice), Sergio Garcia, Danny Willett, Rafael Cabrera-Bello, Lee Westwood, Henrik Stenson, Chris Wood, Darren Clarke (capitano) con la coppa, Thomas Pieters, Justin Rose, Martin Kaymer, Rory McIlroy, Matthew Fitzpatrick, Andy Sullivan e i tre vice Ian Poulter, Paul Lawrie e Sam Torrance.

La formula – Il torneo si svolge con formula match play. Nelle prime due giornate si disputano due sessioni di quattro incontri di doppio, foursome al mattino e fourballs nel pomeriggio, poi il gran finale con dodici singoli. Si assegna un punto per ogni match vinto e mezzo punto per la parità. In palio 28 punti. In caso di pareggio nel conto finale la Ryder Cup rimarrà all’Europa quale defender.

L’attuale formula è in vigore dal 1979, anno della svolta per la Ryder Cup. Poiché gli statunitensi esercitavano sulla selezione costituita solo da giocatori britannici una costante superiorità (18 vittorie e un pari da detentori contro tre sconfitte nelle prime 22 sfide) con un calo di interesse per la manifestazione da parte di sponsor, TV e spettatori, i responsabili europei decisero di aprire le porte anche ai giocatori del continente. Da quel momento le cose sono cambiate e il bilancio è di 10 vittorie e un pari da detentori per l’Europa contro sette USA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA 28 settembre 2016
Tags
Ultimi articoli