-->

Bravo Renato!

Di Renato Paratore, Crans sur Sierre, Omega Masters, Alex Noren

Grande prestazione di Paratore, che chiude settimo
nell’Omega European Masters. Vince lo svedese Noren
alla prima buca di spareggio sull’australiano Hend

Era quella che aspettavamo da tempo. Finalmente è arrivata una grande prestazione di Renato Paratore, che si è classificato settimo con 270 colpi (75 63 67 65, -10) nell’Omega European Masters. E davvero peccato solo per quel 75 nel primo giro, che lo aveva visto scivolare al 130° posto. Da lì però è iniziato uno splendido recupero, con un 63 nella seconda giornata che rappresenta il miglior score del torneo, ottenuto peraltro anche da alcuni altri giocatori. Con i 63.532 euro guadagnati, che si traducono in altrettanti punti, Renato vola nella classifica della Race to Dubai (adesso è 76° su 110), facendo un passo in avanti decisivo per avere la carta dell’European anche il prossimo anno.

Sul percorso del Crans-sur-Sierre GC (par 70), a Crans Montana  in Svizzera, ha vinto lo svedese Alex Noren (263 – 69 63 66 65, -17), che ha superato con un birdie alla prima buca di spareggio l’australiano Scott Hend (263 – 65 67 65 66). Noren era arrivato ad avere anche tre colpi di vantaggio, ma un paio di bogey nelle seconde nove, dopo l’eccezionale 30 sulle prime, hanno consentito la rimonta e il pareggio a Hend.

Al terzo posto l’inglese Andrew Johnston (266, -14) e al quarto il connazionale Lee Westwood (268, -12), che parteciperà al 73° Open d’Italia come il vincitore e come Danny Willett, leader della money list e campione uscente, 12° con 271 (-9). Da segnalare il gran ultimo giro di Westwood (63), Willett e Fitzpatrick (64), tutti inseriti nel team europeo di Ryder.

A metà classifica Nino Bertasio, 29° con 274 (66 71 67 70, -6) e più indietro Edoardo Molinari, 65° con 280 (70 69 71 70, par). Bertasio al momento è 89° nella Race to Dubai, piazzamtento che gli consentirebbe ampiamente di conservare la carta del Tour. Sono usciti al taglio Matteo Manassero, 110° con 145 (77 68, +5), e il dilettante Luca Cianchetti, 119° con 146 (72 74, +6). A Noren, per il sesto titolo in carriera, è andato un assegno di 450.000 euro su un montepremi è di 2.700.000 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA 05 settembre 2016
Tags
Ultimi articoli