Porsche Green Cup: una corsa di 21 giri

Di Andrea Ronchi

Tanto durerà il circuito che porterà i porschisti per i più prestigiosi circoli italiani. L’ambiente amichevole e informale dove regna la voglia di divertirsi e il prestigio dei soci sono gli ingredienti che determinano la crescita

Il circuito Porsche Green Cup, organizzato dall’omonima associazione, è giunto all’undicesima edizione, ventitreesima della storia del Porsche Green. I porschisti hanno trovato le giuste chiavi per il successo crescente che stanno ottenendo. Grazie al lavoro del consiglio e la passione per golf e motori, rigorosamente della casa di Stoccarda, che lega i soci, il circuito per la stagione 2015 torna al numero record di ben 21 appuntamenti. Tra amore per la tradizione e voglia di sfide sempre nuove, gli incontri per la nuova stagione si svolgeranno nei circoli più belli e affermati d’Italia, dove lo spirito per la competizione incontra la passione sportiva.

Punto di partenza il Golf Club degli Ulivi di Sanremo che darà il via a una lunga stagione durante la quale i porschisti visiteranno molte regioni, apprezzandone le bellezze paesaggistiche, l’ospitalità e le specialità, fino al Championship che chiuderà i giochi al Parco dei Medici a Roma.

Anche quest’anno il grande lavoro svolto dai consiglieri e dal presidente Franco Baratti hanno permesso di avere molte sorprese. Di alcune ne parliamo ora, lasciando però un po’ di suspense per qualcosa che ancora bolle in pentola da trattare nelle prossime uscite.

Una delle grandi novità, oltre alle 21 gare, sarà proprio l’epilogo. La carovana targata Porsche arriverà a Roma per un lungo weekend nella Capitale. Avete capito bene, si tratterà di una finale che si giocherà sabato e domenica. Ma c’è di più. Venerdì, quella che può essere considerata la prova campo, coinciderà con l’ultima gara di campionato. Questo conferma una delle filosofie dell’associazione: coniugare sportività e tradizione con gare organizzate per consentire ai soci di trascorrere un weekend giocando a golf, di partecipare alle cene sociali in un’atmosfera serena e cordiale, nel corso delle quali sono premiati i vincitori e, grazie agli sponsor, vengono assegnati splendidi omaggi.

La tappa sulle Dolomiti, in collaborazione come da tradizione con la Dolomiti Cup grazie anche a Sergio Costa, prevederà un giro tra i Monti Pallidi, Patrimonio Naturale dell’Unesco. Sarà lo scenario per scattare splendide foto ma anche per imprimere quei momenti… Non possiamo svelarvi nulla ma nessuno vorrà mancare!

Un’altra novità è legata all’organizzazione delle gare e l’accoglienza riservata a soci e giocatori. La novità dell’edizione 2015 è che tutti gli aspetti organizzativi saranno curati da Golf & Turismo Events, la divisione eventi della nostra testata. Gli allestimenti saranno curati nei minimi dettagli e con loro l’attenzione per i porschisti e gli amici che avranno a disposizione una persona dedicata, portando così la segreteria sul campo. Ancora una volta un ringraziamento per Multigolf che ha curato la fase organizzativa sino allo scorso anno.

Avete l’acquolina in bocca e non vedete l’ora di prendere parte a questa stagione? Allora non resta altro che inviare la proposta di adesione all’Associazione Porsche Green Club. Per questo occorre possedere una vettura Porsche o essere parenti conviventi di 1° grado, coniugi oppure conviventi del possessore di una vettura Porsche, essere regolarmente iscritti a un golf club italiano e avere l’handicap ufficiale di gioco. Se possedete questi requisiti, scaricate e spedite i moduli compilati e firmati alla segreteria dell’Associazione Porsche Green Club (fax: 02 48953252), unitamente alla copia del certificato di proprietà della vostra Porsche e copia del bonifico del versamento della quota di iscrizione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA 08 aprile 2015
Tags
Ultimi articoli